Minorenni scatenati: furti e rapine, a Riccione torna in azione la baby gang

Il gruppo composto da ragazzine e ragazzini specializzato nel prendere di mira giovanissimi turisti

Minorenni scatenati nella Perla Verde che, lunedì, hanno dato parecchio filo da torcere ai carabinieri di Riccione intervenuti in due distinti episodi criminali che hanno visto come protagonisti ragazzini al di sotto dei 17 anni. Il primo è avvenuto nel pomeriggio quando un 15enne e un 17enne hanno iniziato a fare razzia sulla spiaggia mettendo a segno una serie di furti sotto gli ombrelloni. Diverse le telefonate arrivate al 112 di bagnanti che, ritornati sul lettino, si sono accorti di essere stati derubati segnalando allo stesso tempo i due giovanissimi che si aggiravano con fare sospetto sulla battigia. Sono iniziate le ricerche e una pattuglia dell'Arma li ha intercettati nei pressi della stazione ferroviaria di Riccione. Alla vista delle divise, però, i minorenni si sono dati alla fuga in due diverse direzioni. Ad essere bloccato per primo è stato il 15enne, rincorso da un carabiniere e bloccato, mentre il complice è stato preso in un secondo tempo. Il minorenne, portato in caserma, ha ammesso gli addebiti raccontando che dopo la razzia insieme all'amico si erano nascosti nel parcheggio sotterraneo per fare la conta del bottino: due cellulari, una sigaretta elettronica e contanti per un totale di 120 euro. Parte della refurtiva era stata nascosta dietro una cabina elettrica ed è stata recuperate e restituita ai prorpietari. Dopo la confessione del 15enne, i militari dell'Arma sono andati a prelevare il 17enne a casa il quale, alla presenza dei genitori, ha confermato la versione dell'amico. Entrambi sono stati denunciati alla Procura per i Minori di Bologna con le accuse di furto aggravato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più complessa l'attività notturna dei carabinieri che si sono trovati nuovamente alle prese con la baby gang composta da ragazzi e ragazze, italiani e nordafricani, dediti alle rapine di coetanei. Due i colpi messi a segno: il primo ha visto come vittima un turista 16enne di Modena che è stato preso di mira intorno alla mezzanotte nella zona del porto. Secondo quanto emerso, il ragazzino è stato avvicinato da tre coetanee che hanno cercato di distrarlo con una serie di avances mentre alle sue spalle sono arrivati altri tre giovanissimi che con una mossa fulminea gli hanno strappato la catenina d'oro che portava al collo. Per il minorenne tanta paura ma nessuna conseguenza fisica se non la perdita del monile del valore di circa 200 euro. La baby gang ha poi messo a segno un'altra rapina intorno alle 2 nella zona di piazzale Curiel dove, ad essere aggredito, è stato un altro 16enne questa volta bolognese. Il ragazzino è stato avvicinato dai tre malviventi maschi che, dopo averlo accerchiato, hanno iniziato a spintonarlo fino a strappargli la catenina d'oro del valore di 200 euro e poi fuggire a gambe levate. Sono in corso le indagini serrate dei carabinieri per cercare di bloccare la baby gang che, da diverse settimane, sta mettendo a ferro e fuoco Riccione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

  • Si tuffa con gli amici ma non riemerge: dopo due giorni di agonia muore un ragazzo di 19 anni

  • Coronavirus, 7 nuovi casi nel riminese: quattro rientrati dall'estero

Torna su
RiminiToday è in caricamento