Moglie maltrattata si suicida, lui minaccia la figlia: in manette

Al giudice l'uomo ha dato la sua versione dei fatti, giustificando le minacce nei confronti della figlia come "uno sfogo" dopo il grave lutto che aveva colpito la famiglia

Moglie e figlia lo avevano denunciato per maltrattamenti in famiglia e, dopo il suicidio della donna, lui ha minacciato di morte la ragazza, finendo in manette. Un 57enne della Valconca è stato arrestato mercoledì dopo che, per le vessazioni subite, la moglie il 20 ottobre, all'indomani dell'udienza per la conferma del provvedimento di allontanamento, era morta suicida. Venerdì l'interrogatorio di garanzia davanti al gip del Tribunale di Rimini al quale il 57enne, difeso dall'avvocato Giuliano Cardellini ha chiesto di poter lasciare il carcere per una detenzione domiciliare. Al giudice, che non ha ancora sciolto la riserva, l'uomo ha dato la sua versione dei fatti, giustificando le minacce nei confronti della figlia come "uno sfogo" dopo il grave lutto che aveva colpito la famiglia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

  • Colpo al traffico di "bianca": arrestato pusher con più di 300 grammi di cocaina

Torna su
RiminiToday è in caricamento