Oggi Simoncelli avrebbe compiuto 33 anni: buon compleanno Sic

Un campione e un ragazzo unico nel suo genere il cui ricordo resta indelebile dentro e fuori dal paddock

Marco Simoncelli oggi avrebbe soffiato sulle 33 candeline che avrebbero dovuto ornare la sua torta di compleanno. Una festa che, molto probabilmente, avrebbe celebrato nella sua Coriano circondato dall'affetto dei genitori e degli amici di sempre che, dentro e fuori i circuiti del Motomondiale, avevano avuto modo di apprezzare le doti umane e di campione di quel ragazzo che quando scendeva in pista sapeva regalare tante emozioni. Se fosse ancora qui con noi, il Sic avrebbe l'età giusta in cui un pilota raggiunge la maturità e, chissà, magari sarebbe potuto essere in lotta per un altro titolo mondiale. La grinta non mancava a Marco che, fin dal suo approdo in 125, aveva dimostrato di essere vispo e acuto. Pure coraggioso: la fase di gara che Simoncelli preferiva era il "corpo a corpo". E poi, i sorpassi. Sembrava proprio che le situazioni rischiose gli piacessero, nel vero spirito del corridore a due ruote. Tutti questi valori facevano impazzire i fans ed attiravano i mass media, che intravedevano in lui il futuro Valentino Rossi, perlomeno dal punto di vista dell'immagine. Ci teneva tantissimo Dorna, perché personaggi così ne capitano uno ogni tanto. A volte mai.

Quella maledetta domenica la pista di Sepang ce lo ha tolto prematuramente. Ci ha impedito di continuare a tifare per lui e di ridere alle sue battute ma, allo stesso tempo, ci ha permesso di vedere oltre il pilota per rendersi conto della grandezza dell'uomo. Tutti, appassionati e non, ricordano cosa stavano facendo e dove si trovavano in quel maledetto 23 ottobre 2011. Una domenica mattina in cui il mondo si è fermato rendendosi conto, all'improvviso, dell'immenso vuoto che Marco aveva lasciato dietro di sè.

Un ricordo dolce-amaro che la famiglia del Sic alimenta anche attraverso la Fondazione intitolata a Marco. Una realtà dedicata ai ragazzi disabili nata subito dopo la tragedia per dare una risposta concreta alle tantissime donazioni arrivate da tutto il mondo. Paolo Simoncelli ha avuto ed ha la passione ed il coraggio di continuare un lavoro iniziato con il figlio, senza fermarsi mai. Entrare nel team SIC58 Squadra Corse è - per qualsiasi pilota - un onore ed una responsabilità. Nonché, una opportunità. Senza dimenticare, inoltre, l'inaugurazione della "Casa Marco Simoncelli", avvenuta il 20 gennaio del 2019 in occasione del 32esimo compleanno del Sic, che rappresenta il più grande progetto della Fondazione legata al pilota. Una struttura per i disabili su tre piani che comprende due piscine riabilitative, una palestra, un parco giochi attrezzato, cinque stanze per accogliere i familiari, una sala polifunzionale e ampio parcheggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli amici del bar non lo vedono da giorni, ritrovato cadavere in casa

  • Vent'anni fa l'arrivo dal Senegal, la sfida di Sonia: "Apro la mia trattoria romagnola"

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, prevenzione e modalità di trasmissione

  • Il Comune pronto a demolire balconi trasformati in verande e sale da pranzo coperte

  • Vasco Rossi si fermerà a Rimini per venti giorni: le date del "soggiorno"

  • Non pedala sulla pista ciclabile, ciclista multato dai carabinieri

Torna su
RiminiToday è in caricamento