Oltre 5mila cuccioli di cane trasportati clandestinamente in Italia, sgominata la banda

E' di 7 misure di custodia cautelare il bilancio dell'operazione Luxury Dog, per i malviventi un volume d'affari di oltre 1 milione di euro

Operazione "Luxury dog" della polizia di Frontiera di Rimini che, con il supporto della squadra Mobile di Rimini e le Guardie Ecozoofile, ha sgominato una banda di trafficanti di cuccioli di cane. L'inchiesta era partita nel 2018 quando, dalla Slovacchia, è emerso come dei malviventi muovessero un ingente numero di animali alla volta dell'Italia. A gestire il tutto era un nucleo famigliare, composto da un italiano che viveva all'estero, la sua compagna e il figlio della coppia. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il trio si occupava di reperire i cani appena nati negli allevamenti locali, pagandoli tra i 30 e i 100 euro, per poi trasportarli verso l'Italia dove sarebbero stati venduti a prezzi che variavano tra i 1000 e i 1800 euro.

ECCO COME VENIVANO TRATTATI I CUCCIOLI - IL VIDEO

Per i cagnolini iniziava così un viaggio dell'orrore, stipati in gabbie sporche, senza cibo o acqua, quando ancora non avevano compiuto i tre mesi e 21 giorni previsti dalla legge. Gli animali, inoltre, non erano sottoposti a vaccinazioni o questa, se fatta, non aveva ancora sortito il suo effetto. Allo stesso tempo, affidandosi a una stamperia individuata nel napoletano, i cuccioli venivano spacciati per figli di campioni con tanto di pedigree. I documenti erano riferibili, sempre secondo le accuse, a una fantomatica associazione Kennel Club Italia di Villa Ricca, in provincia di Napoli. Allo stesso tempo, si è scoperto che il microchip impiantato nei cani erano reperiti sul mercato asiatico e inoculati da personale non veterinario.

Nel corso delle indagini gli investigatori, col supporto delle Guardie Ecozoofile, hanno monitorato decine di episodi di importazioni illegali. Gli acquirenti acquistavano i cuccioli tramite portali internet e, una volta conclusa la transazione, gli animali si muovevano dalla Slovacchia alla volta del nostro Paese. Con l'ausilio del personale della polizia Stradale, i carichi sono stati monitorati al loro ingresso dalla frontiera di Tarvisio e, durante l'inchiesta, sono stati 5 gli autoveicoli sequestrati col loro carico di cuccioli.

Decine di telefonate alla Questura: "Vogliamo adottare i cuccioli"

Il capo della banda, l'italiano 64enne, è stato arrestato a Savona mentre effettuava una consegna di cani. La compagna, una slovacca 45enne, e il figlio 33enne, sono stati invece catturati in Slovacchia. Le altre misure di custodia cautelare hanno colpito un bellariese 33enne, finito in carcere, così come un napoletano che si occupava dei falsi documenti. Mentre ai domiciliari sono finiti una ragazza di Cesenatico 36enne, che fungeva da centralinista per smistare le vendite, un santarcangiolese 60enne, anche lui addetto alle vendite. La banda aveva un volume d'affari stimato intorno al milione di euro e, secondo gli inquirenti, sono stati oltre 5mila i cuccioli venduti in maniera truffaldina.

Il plauso dell'Enpa

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Gambalunga in festa, il sindaco: "Biblioteca è una piazza, antidoto all'algoritmo e alla bestia"

  • Cronaca

    Spaccata nel negozio di marijuana legale, in "fumo" tutta la merce

  • Cronaca

    Dinner in the sky, dopo lo stop atteso il via libera della commissione

  • Cronaca

    Incidente tra auto e scooter, ad avere la peggio il centauro

I più letti della settimana

  • Gruppo di baby calciatori a Rimini per un torneo "festeggia" la Pasqua in ospedale

  • Squadra di baby calciatori in ospedale, individuato il virus che ha colpito i ragazzini

  • Si schianta contro un'auto sull'Adriatica: motociclista in gravi condizioni

  • Pace fiscale: pochi giorni per ottenere la falcidia dei debiti Equitalia

  • Ordinanza balneare 2019: stop a sigarette, plastica e cani sulla battigia

  • Mancano le autorizzazioni, salta l'inaugurazione del Dinner in the sky

Torna su
RiminiToday è in caricamento