Parco eolico, il comitato del 'sì': "Tanti cittadini sono favorevoli al progetto"

"Come Comitato, sappiamo che la grande parte dei cittadini di Casteldelci è assolutamente favorevole, vedendo nel parco eolico anche una enorme possibilità di sviluppo"

Prosegue su più fronti l’attività del nuovo Comitato "Sì Parco Eolico Poggio 3 Vescovi". Domenica scorsa, durante la storica Fiera del 1° Maggio, manifestazione che a Casteldelci vanta antiche tradizioni, il Comitato ha proposto un proprio stand informativo, per incontrare ed informare quanti volessero approfondire il tema del Parco Eolico.

Spiega una nota del comitato: "Ha stupito la curiosità di tanti. Ora, come Comitato, sappiamo che la grande parte dei cittadini di Casteldelci è assolutamente favorevole, vedendo nel parco eolico anche una enorme possibilità di sviluppo dell’intero territorio. Ma davvero non ci aspettavamo un così grande afflusso. Nell’occasione, oltre a distribuire un cartaceo informativo su numeri e benefici del Parco Eolico Poggio 3 Vescovi, abbiamo provveduto a spiegare diversi dettagli del parco stesso, facendo una opera di corretta informazione necessaria anche e soprattutto per i pochissimi contrari rimasti".

Ed ancora: "Il Comitato ha inoltre continuato a promuovere la propria pagina facebook, arrivata in meno di due settimane a 950 “mi piace”, un risultato che consideriamo davvero interessante, e soprattutto davvero utile per capire la direzione che gli abitanti del nostro territorio desiderano prendere. A questo proposito, ringraziamo coloro che, pochi a dire il vero, hanno presentato proprio su Fb alcune perplessità; come Comitato, stiamo infatti provvedendo molto velocemente a dare tutte le risposte, riguardino esse il progetto, le leggi, il valore dell’eolico più in generale".

"Desideriamo ricordare che alla base di quanto stiamo facendo c’è la consapevolezza che, a fronte di obiettivi già stabiliti dalla legge, l’Italia, ed anche la nostra regione, sono in particolare ritardo; l’obiettivo dei 300 megawatt entro il 2020 derivante da fonti rinnovabili al momento è lontano, mancandone ancora oltre il 90%. Desideriamo inoltre che il paesaggio possa essere tutelato.Il consumo di territorio, comprensibile preoccupazione di alcuni detrattori, è davvero minimale, trascurabile. Per il Comitato, tutelare l’ambiente, mantenendolo pulito, sano e respirabile, ha come diretta conseguenza anche la tutela dei paesaggi del nostro territorio: senza ambiente, anche il paesaggio sarà infatti destinato a modificarsi nel corso dei prossimi anni".

"Il parco eolico progettato consiste in 27 pale, un numero certamente contenuto rispetto sia a quanto avviene in molti altri paesi europei, sia a quante ne sono state realizzate in altre regioni d’Italia. Desideriamo promuovere un dibattito aperto ed oggettivo, senza posizioni preconcette, ben sapendo che lo sviluppo delle energie rinnovabili è una scelta non più rinviabile".

Per questo, siamo disponibili a fornire tute le informazioni del caso, continuando nella nostra attività divulgativa sul progetto del futuro del Parco Eolico Poggio 3 Vescovi.

Potrebbe interessarti