Pasqua: “Via Crucis, via Lucis” il musical di Carlo Tedeschi è online

Durante il periodo pasquale è possibile vedere online il musical dedicato alla passione di Cristo registrato nelle Grotta del santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo


Per chi ama i musical in questi giorni sarà possibile vedere online “Via Crucis, via Lucis”. Il musical dedicato alla passione del Cristo registrata la Domenica delle Palme 2016 nella Grotta del santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo.  

Lo straordinario evento, che ha visto eccezionalmente in scena come lettori Carlo Tedeschi e sua moglie Daniela Natale, si potrà vedere gratuitamente sul sito www.teatroleoamici.it del Teatro Leo Amici,  (Lago di Montecolombo – Rimini) nella sezione #teatroacasa per #iorestoacasa, iniziativa fortemente voluta dal Teatro, dall’autore e regista Carlo Tedeschi e dalla compagnia RDL per avvicinare al teatro giovani e famiglie in questo particolare momento. 


“ Via Crucis – Via Lucis”  è dedicata alla passione di Gesù Cristo. La compagnia Teatrale composta da giovani formati da Carlo Tedeschi mette in scena le quattordici stazioni della via Crucis, drammatizzate e commentate da Tedeschi attraverso l'interpretazione del pensiero di Giovanni, il discepolo che Gesù amava. Vengono così rappresentati, in modo estremamente coinvolgente, alcuni momenti della vita, della morte e della resurrezione di Gesù Cristo. I giovani attori protagonisti del mini-musical presentano uno spettacolo complesso ma fruibile a tutti, non solo al pubblico dei credenti.  I brani delle sacre scritture, commentati dai canti e da alcune danze dei giovani artisti daranno vita ad intensi momenti in cui l'arte toccherà momenti di alta spiritualità.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ognuno porta una croce: la propria. Grande, piccola, ingombrante… sempre croce è - afferma il regista Carlo Tedeschi commentando la drammatizzazione -. Spesso si ha bisogno di darle un senso, un fine, di un conforto per poter continuare… spesso continuare a vivere ciò che non vorremmo più ma che ineluttabilmente, ogni giorno, puntuale si ripresenta. Un ristoro… potrebbe essere l’inizio di una qualche risoluzione, conversione, chissà. Guardare la mia rappresentazione “Via Crucis, via Lucis” non può certo risolvere nè convertire ma donare un conforto sì. Immagini, parole, musiche emozioni dalla croce più luminosa: quella di Gesù. È la croce di Gesù che rivive sulla scena, quella della Sua vita. Dico vita e non morte perché è stata proprio la Sua croce a donargli la vita e a mutare il corso della storia dell’umanità.  È il testimone Giovanni che la racconta, quella croce, attraverso i propri occhi e le proprie emozioni. Sono gli occhi e le emozioni dei nostri figli, dei nostri giovani, di chi amiamo, di chi ci guarda non solo vivere ma portare con dignità e amore, la nostra personale croce” conclude Carlo Tedeschi. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

  • Colpo al traffico di "bianca": arrestato pusher con più di 300 grammi di cocaina

Torna su
RiminiToday è in caricamento