Più che buona la valutazione dei servizi anziani e disabilità mentale da parte delle famiglie

Sono stati 290 gli utenti coinvolti nell'attività di valutazione dei servizi dello sportello anziani, dell'assistenza domiciliare e disabilità mentale del distretto socio sanitario di Rimini nord

Sono stati 290 gli utenti coinvolti nell'attività di valutazione dei servizi dello sportello anziani, dell'assistenza domiciliare e disabilità mentale del distretto socio sanitario di Rimini nord (Rimini, Bellaria -Igea marina, Comuni della Alta Valmarecchia e Unioni dei Comuni Valmarecchia). L'indagine, svolta attraverso interviste e questionari, è rivolta a testarela qualità percepita dei servizi da parte dei fruitori e delle loro famiglie, e valutare le azioni da intraprendere per svilupparli e migliorarli. Le interviste sono state realizzate grazie al contributo fondamentale dei volontari del servizio civile nei territori compresi dalleindagini. Chi viene a conoscenza del servizio dello sportello sociale anziani lo fa,nel 18% dei casi, grazie al passaparola di amici, il 32%, 1 su tre attraverso i medici di famiglia, il 42% attraverso le associazioni. Chi si rivolge a questo servizio richiede soprattutto la comprensione dei propri bisogni, che viene ancora prima della soluzione pratica ad uno dei tanti e diversi problemi che si possono manifestare.

L'ascolto, la comprensione, l'empatia, la comprensione psicologica e umana in un momento così delicato della propria esistenza viene dunque prima di tutto. Attraverso colloqui individuali con l'assistente sociale, questo servizio ha il compito di aiutare la persona a capire il proprio bisogno e a delineare un progetto condiviso al fine di affrontarlo, possibilmente risolverlo, mettendo in campo le risorse del territorio e tenendo presenti le esigenze e le potenzialità della persona stessa.

Su questa la qualità percepita è buona perchè si colloca, su una scala da 1 a 10, a 7,8. Punto di forza le informazioni che sono considerate su livelli intorno all'ottimo (8,7%), e la modulistica. Leve di miglioramento (ma con votazioni comunque quasi discrete, 6,7%) il coinvolgimento nella redazione dei piani di assistenza.

Lo sportello disabilità mentale si tratta di un servizio specialistico e che, come tale, è presidiato maggiormente dalle associazioni di ambito (58%) e dai presidi del Servizio medico nazionale (17% medici e 10% altri servizi).
Oltre la comprensione generica dei bisogni, in questo settore particolare importanza viene data, da parte delle famiglie dei fruitori, la gestione dell'emergenza e la riservatezza. Il valore medio di soddisfazione è più che discreto (7,1) e vengono valutate come leve di successo le informazioni e i tempi di attesa ridotti o nulli. La riservatezza è valutata al 7,5 mentre può essere migliorata, nonostante valutazioni più che adeguate, la disponibilità all'ascolto durante le emergenze (6,3). Una proposta di miglioramento richiesta è quella delle possibilità di poter implementare lo strumento dell'inserimento lavorativo, messo particolarmente in difficoltà in questi anni di crisi.

Quello dell'assistenza domiciliare è un servizio che, rispetto ai due sportelli, si differenzia per tipologia e modalità. Il servizio è volto a favorire la permanenza dell'anziano all'interno del proprio nucleo familiare. Gli interventi sono per sostegno e supporto alla famiglia e comprendono: igiene personale, preparazione dei pasti, accompagnamento, mobilizzazione, riordino dell'alloggio, attività di segretariato sociale (disbrigo pratiche, ecc.) ed interventi tendenti a favorire la vita di relazione della persona. Gli interventi vengono erogati sulla base di un
progetto individualizzato e formalizzato a cura dell'Assistente Sociale responsabile del caso e condiviso con l'anziano e i suoi familiari.

Il giudizio complessivo è buono, 8,2 su 10. Gli elementi che influiscono di più sulla valutazione sono: la conoscenza della situazione da parte del sostituto, la puntualità e la comprensione reciproca; tutte fasi, queste, che si verificano nella prima fase dell'assistenza.Valutazioni molto alte, dal 9 in su, per cortesia, comprensione, rispetto della durata dell'intervento e riservatezza. A macchia di leopardo le valutazioni sull'informazione del cambio di assistente, sia a livello geografico, sia a seconda delle cooperativa incaricata; si va comunque da valori di sufficienza (6,4 o 5,8) ad altri discreti (7,5) ad altri ancora molto buoni (8,5).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le novità inserite in questa customer satisfaction – è il commento di Gloria Lisi, Vicesindaco del Comune di Rimini, con delega alla protezione sociale – sono due. La prima è la portata territoriale, che  valuta non un singolo comune ma tutto un distretto Rimini nord; questo è funzionale al nuovo assetto organizzativo che si caratterizza sempre più come sovra locale, coerentemente con i processi in corso anche sul versarmente
prettamente sanitario, come l'Ausl Romagna. La seconda è il coinvolgimento  nella realizzazione del report di giovani volontari del Servizio civile che hanno svolto un lavoro volontario di grande importanza e qualità, per cui li ringrazio. Un modo per svolgere davvero un'attività qualificante  e conoscere da vicino tipologie di lavoro e servizi importanti per la loro futura carriera professionale. I risultati sono buoni e ci soddisfano. Ci sono degli aspetti da far crescere e sviluppare, ci stiamo già lavorando, altri da consolidare. La relazione con il fruitore del servizio ci permette infatti non solo di capire la bontà del nostro operato ma anche e soprattutto di individuare dove e come migliorare ulteriormente, come Comune e come distretto socio sanitario”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

  • Covid-19, altri 19 guariti. Cinque nuovi contagiati: i positivi totali sono 163

Torna su
RiminiToday è in caricamento