Potenziamento della rete idrica, un progetto da 2,5 milioni di euro

L’assessore Sacchetti: “Il serbatoio Cappuccini potrà funzionare a pieno regime, mentre le condutture di diverse vie saranno potenziate e bonificate”

Un maggiore livello di sicurezza della rete idrica, l’ottimizzazione delle risorse disponibili e consumi energetici più contenuti grazie all’incremento dei pompaggi nelle ore notturne nel corso delle quali le tariffe elettriche sono più favorevoli: sono questi i risultati attesi dall’intervento che completerà le funzioni del serbatoio “Cappuccini” posizionato sul punto più alto del colle. Il progetto predisposto dalla direzione ingegneria di HERAtech e finanziato da Romagna Acque Società delle Fonti, nei giorni scorsi ha ottenuto l’approvazione della Giunta comunale che ha dato il via libera a un intervento di particolare rilievo che permetterà una razionalizzazione delle reti acquedottistiche grazie anche alla connessione del serbatoio Cappuccini con l’impianto Galleria drenante e i pozzi Bornaccino e Ceccarino. L’adeguamento del serbatoio “Cappuccini” si completerà con la realizzazione di diversi tratti di rete sia di adduzione che di distribuzione finalizzati al potenziamento della rete idrica comunale nonché al suo miglioramento visto l’attuale assetto di rete che prevede un utilizzo delle condotte esistenti sia per funzioni di adduzione che di distribuzione. 

Attualmente ciò comporta un rendimento non ottimale del sistema idrico nel suo complesso che verrà invece assicurato ripristinando la funzione originariamente prevista del serbatoio dei Cappuccini come accumulo di acqua proveniente sia dall’Acquedotto della Romagna che dal campo pozzi e dalla galleria filtrante del Marecchia. Allo stesso tempo verrà garantito il riempimento del vicino serbatoio di via Bellaere, a servizio della zona alta della città – gestito da Hera – posto a circa nove metri più in alto di quello dei Cappuccini.

“Siamo di fronte a un progetto di particolare rilievo che potenzierà e migliorerà la rete idrica comunale riducendo la dispersione di acqua dovuta a rotture causate dalla forte immissione necessaria per far fronte alle punte di consumo che nei periodi di maggiore fabbisogno raggiungono una media di 6.500 metri cubi giornalieri”, commenta l’assessore ai Lavori pubblici Filippo Sacchetti. “L’investimento di oltre 2.500.000 euro sostenuto da Hera e finanziato da Romagna Acque Società delle Fonti – aggiunge l’assessore Sacchetti – prevede il funzionamento a pieno regime del serbatoio dei Cappuccini, la costruzione di nuove condotte e in altri casi il potenziamento e la bonifica di quelle esistenti, in alcuni casi in cemento amianto. Ad essere interessate dai lavori saranno le condotte di diverse vie o tratti delle stesse a partire da via Cupa, viale Marini, via Santarcangiolese, via Carlo Alberto Dalla Chiesa, via Trasversale Marecchia, via Ceccarino”. “Questi lavori – conclude l’assessore ai Lavori pubblici – si aggiungono a quelli appena terminati in zona stazione dove è stata messa in sicurezza un’ampia area soggetta a frequenti allagamenti, grazie ad un investimento di circa due milioni di euro”. Per quanto riguarda i tempi di realizzazione, infine, l’inizio dei lavori è previsto dopo l’estate.

Potrebbe interessarti

  • Pulire i vetri: addio agli aloni su finestre e specchi

  • "Il parchetto di Miramare tra sbandati che bivaccano ed escrementi umani ovunque"

  • Stop al sudore: come scegliere il deodorante giusto per la tua pelle

  • Gli odori, i ricordi, il marketing e la Sindrome di Proust

I più letti della settimana

  • Fulmine centra azienda agricola, vasto incendio nel deposito delle rotoballe

  • Investimento mortale sulla linea ferroviaria, stop ai treni sulla linea adriatica

  • Lui, lei e l'altro, il triangolo amoroso finisce con pugni e schiaffi nel parco

  • Il Sole 24 ore incorona Rimini come capitale dell’italian lifestyle

  • Perde il controllo e si schianta contro un albero, centauro deceduto sul colpo

  • A Miramare gli hotel dell'orrore: strutture in pessime condizioni igienico sanitarie

Torna su
RiminiToday è in caricamento