Preso dopo un mese il killer del Rio Agina, era scappato in Svizzera dopo l'omicidio

Si è conclusa la latitanza di Paoulin Nikaj accusato di aver ucciso con 7 colpi di pistola il connazionale Zyberi Nimet lo scorso 17 marzo nel parcheggio della Conad di Misano Adriatico

Si è conclusa nella notte tra giovedì e venerdì la latitanza di Paoulin Nikaj, l'albanese 35enne accusato di essere l'autore dell'efferato omicidio del connazionale Nimet Zyberi avvenuto lo scorso 7 marzo nel parcheggio del Conad "Rio Agina" di Misano. Nikaj era in fuga da oltre un mese e, gli inquirenti dell'Arma che gli davano la caccia, lo hanno rintracciato in Svizzera, nel Cantone di Berna, poco lontano dal capoluogo. Dalle prime indiscrezioni pare che il 35enne, ritenuto armato e pericoloso, non avesse con sè la pistola utilizzata per il delitto di Zyberi. Al momento, tuttavia, gli inquirenti mantengono il massimo riserbo sull'arresto anche perchè è ancora aperta la caccia ai fiancheggiatori dell'assassino che, quasi sicuramente, lo hanno aiutato durante la sua lunga latitanza. Maggiori dettagli verrano resi noti sabato mattina nel corso di una conferenza stampa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta all'alba, si toglie la vita nel parcheggio del centro commerciale

  • Pronto a nascere il maxi outlet con un investimento da 150 milioni di euro

  • Aereo "perde" il motore, atterraggio d'emergenza al "Fellini"

  • Stroncato da un malore durante la partita di calcetto muore a 28 anni

  • Clan emergente voleva prendersi Rimini con una guerra di camorra: segno distintivo, le mani frantumate col martello

  • Amazon a Santarcangelo, il colosso dell'e-commerce ha aperto i battenti

Torna su
RiminiToday è in caricamento