Carabinieri in moto "fiutano" un'auto carica di marijuana: riminese trasporta 170 piante dal suo campo

L'uomo era già stato scoperto dalla Finanza e appena è tornato in libertà ha cercato di mettere in salvo il raccolto

Un odore troppo forte. Così intenso da insospettire subito la squadra di motociclisti del Radiomobile di Riccione. Martedì, nel tardo pomeriggio, i carabinieri hanno apito che un'auto trasportava droga e si sono messi alle calcagna del guidatore. Teatro dell'inseguimento la via Emilia, a Riccione. Un normale controllo di routine per le vie della città si è trasformato invece in un arresto. E nella scoperta che il 31enne, era già stato arrestato dalla Finanza per la coltivazione di un campo di marijuana a Gemmano. Una volta però in libertà non si era scoraggiato e, nonostante i sigilli, aveva ripreso a coltivare e irrigare le sue piante. Non solo, martedì, infatti, aveva caricato nella sua Peugeot 307 quattro grandi sacchi nera dell'immondizia pieni di piante: ben 170 pari a 20 chili, tutte pronte per essere vendute sul mercato.

I finanzieri avevano eliminato tutte le piante di cannabis trovate in quel campo sul greto del fiume Conca in via Cavicciano, ben 85, ponendo sotto sequestro l’appezzamento. Ma il 31enne sapeva che altre piante erano maturate, i fiori erano pronti, e aveva così iniziato a fare i suoi viaggi a Gemmano. Nel campo di sua proprietà aveva anche parcheggiato una roulotte, spesso dormiva lì per controllare.

Il video della scoperta del campo di marijuana

A notarlo anche qualche residente della zona, che lo aveva visto più volte irrigare le piante. Un bottino che non poteva rischiare di perdere, così aveva portato via le piante, senza nasconderle troppo alla vista, infatti aveva messo i sacchi anche nei sedili posteriori,  certo di riuscire ad arrivare nella sua base riminese, una stanza in un residence in zona Fiera. All'interno aveva allestito l'ambiente perfetto per essicare le piante tramite una pompa di calore. Inoltre, i carabinieri hanno trovato anche i barattoli e l'attrezzatura necessaria per il confezionamento.

Erbe proibite lungo il Conca: scoperta una piantagione

Su disposizione del pm Davide Ercolani sono state sequestrate tutte le piante che verranno analizzate e poi distrutte, e le attrezzature per la coltivazione e la lavorazione. Il 31enne è adesso ai Casetti per i reati di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Roberto Casadei, un cantore della Romagna

  • Stroncato da un malore durante la pedalata, ciclista perde la vita in strada

  • Picchiata dal marito costretta a un escamotage per chiedere aiuto ai carabinieri

  • Guida senza patente e fornisce le generalità della gemella sperando di farla franca

  • Sesso a tre col transessuale finisce a sassate, nei guai coppia di fidanzati

  • Sieropositivo faceva sesso con diverse donne conosciute in chat, una è stata infettata: arrestato

Torna su
RiminiToday è in caricamento