mercoledì, 23 aprile 18℃

Riccione, cittadinanza onoraria per Maria Falcone

La Giornata della Legalità 2012, si svolgerà sabato presso lo stesso Palazzo del Turismo, con la partecipazione di Maria Falcone, Presidente della Fondazione Giovanni e Francesca Falcone

Redazione 4 maggio 2012

La Giornata della Legalità 2012, si svolgerà sabato presso lo stesso Palazzo del Turismo, con la partecipazione di Maria Falcone, Presidente della Fondazione Giovanni e Francesca Falcone; Sergio Lari, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Caltanisetta; Sara Morri, Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Trapani. Il sindaco Massimo Pironi ha annunciato il conferimento della cittadinanza riccionese a Maria Falcone, nel corso di una breve cerimonia che avverrà alla conclusione della mattina di sabato.

“Quest’anno ricorre il ventennale della morte di Giovanni Falcone, di sua moglie Francesca Morvillo e dei ragazzi della scorta – ha ricordato Anna Bizzarri della società Jacaranda di Palermo, che organizza per il terzo anno consecutivo, in collaborazione con l’agenzia MEP di Riccione, la Giornata della Legalità – Per questo abbiamo ritenuto di porre il tema dell’eredità di Falcone e Borsellino. Occorre riflettere se è servito o no il sacrificio di questi uomini e rilanciare la questione ai ragazzi delle scuole”.

Alla testimonianza di  Maria falcone, ex professoressa di diritto nelle scuole, attivista indefessa nell’accettare le centinaia di richieste di incontri nelle scuole che arrivano tutto l’anno presso la Fondazione da lei costituita insieme a molti magistrati di Palermo, all’indomani delle stragi, e intitolata a Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, si unirà quella del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Caltanisetta Sergio Lari, un uomo schivo che non ama le luci della ribalta, un servitore dello stato. Ancora prima di riaprire le indagini sulle stragi del 1992 ha subito diverse minacce di morte. La prima a 27 anni, l’ultima nel maggio del 2010: una busta contenente un proiettile, esplicite intimidazioni e le proprie foto ritagliate dai giornali con croci disegnate tutte attorno. Il Procuratore e il pool della DDA indagano sulle stragi del 1992, sul fallito attentato all’Addaura e sul ruolo avuto dai servizi segreti. Su tali scottanti questioni, Lari è stato ascoltato dal COPASIR, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica.

Sara Morri, Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Trapani, è di Riccione. Ha intrapreso una carriera difficile in un territorio insidioso e complesso dimostrando un grande coraggio e senso dello Stato. Sarà lei la moderatrice del dibattito.

Uno spazio di grande rilievo è stato dedicato al video sulla legalità (4 minuti) realizzato dai ragazzi della classi II E e F dell’Istituto Professionale Alberghiero “S.Savioli” che si è classificato tra i migliori elaborati presentati al Concorso nazionale indetto, come ogni anno, dalla Fondazione Giovanni Falcone e Francesca Morvillo. I tre ragazzi autori del video sono Clarissa Casadei (classe II E) per i testi; Federico Visentini (II E) e Luca Leardini (II F) interpreti si sono aggiudicati il viaggio a Palermo su una delle “Navi della legalità” che il 23 maggio prossimo sbarcheranno a Palermo per prendere parte alla commemorazione della morte di Falcone e Borsellino e verranno accolti al loro arrivo dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Sono tre gli elaborati selezionati dall’Ufficio Scolastico della Regione Emilia-Romagna per partecipare al Concorso nazionale, e tra questi quello realizzato dai ragazzi dell’Alberghiero di Riccione.

 

Annuncio promozionale

Maria Falcone
Riccione
legalità

Commenti