Feroce rapina in villa, proprietario aggredito, incappucciato e minacciato con un coltello

Tre malviventi albanesi sono entrati in azione nella mattinata di giovedì a Gemmano. Catturati dai carabinieri dopo un lungo inseguimento

Arresto lampo da parte dei carabinieri di Riccione che, giovedì nella tarda mattinata, sono riusciti a catturare gli autori di una violenta rapina in una villa di Gemmano. Tutto è iniziato verso le 10.30 quando, nel paesino della Valconca, è stata segnalata la presenza di un Renault Kangoo sospetto con tre stranieri a bordo. Il mezzo non risultava rubato ma, i militari dell'Arma, si sono subito mossi per cercare di intercettare il furgoncino. Dopo nemmeno 2 ore, è arrivato l'allarme per una feroce rapina consumata a Gemmano e messa a segno da tre persone. E' iniziata la caccia all'uomo con una pattuglia in borghese dei carabinieri della Perla Verde che, all'incrocio tra via Veneto e via Coriano, ha intercettato il Kangoo iniziando a pedinarlo e chiedendo, nel frattempo, l'intervento del Radiomobile. L'inseguimento si è concluso a Rimini in via Della Chiesa, all'incrocio con via Flaminia Conca nei pressi del Comando Provinciale dell'Arma, quando la Renault si è fermata al semaforo rosso. Circondato dai carabinieri pistole alla mano, dal furgoncino sono usciti i tre albanesi che sono stati fatti stendere a terra e ammanettati.

All'interno dell'abitacolo è stata recuperata la refurtiva rubata, poco prima, nella villa di Gemmano ai danni di un 47enne. La vittima, secondo quanto ricostruito dai militari dell'Arma, verso mezzogiorno si trovava solo nel giardino dell'abitazione quando, nascosto in un cespuglio, ha notato uno dei malviventi e gli ha urlato contro di andarsene. Il rapinatore, per tutta risposta, ha scavalcato la siepe e ha aggredito il 47enne prendendolo per il collo e gettandolo a terra dove lo ha tenuto fermo con un piede sulla schiena mentre, nel frattempo, è arrivato un secondo complice. La vittima è stata incappucciata con la t-shirt del rapinatore e, solo a quel punto, è arrivata una terza persona. I ladri hanno iniziato a minacciare il padrone di casa per farsi rivelare il nascondiglio di contanti e preziosi e, per convicerlo, gli hanno messo un coletto da cucina al volto.

Risuciti a scoprire dove erano nascosti gioielli e orologi, i malviventi hanno fatto razia di quanto trovato a portata di mano e sono fuggiti con la Opel Agila del padrone di casa ma, nella foga, dopo pochi metri sono usciti di strada abbandonando l'utilitaria per poi recuperare la Renault e proseguire la fuga. A finire in manette sono stati 3 albanesi, tutti già noti alle forze dell'ordine, di 31, 41 e 37 anni. Il trio è stato portato in caserma da dove, su indicazione dell'autorità giudiziaria, sono stati poi trasferiti nel carcere riminese dei 'Casetti' in attesa dell'udienza di convalida che si terrà sabato mattina.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • Tiro al bersaglio, addestramento con bersaglio mobile.. punto!

  • Un bel meteorite e ripartire da zero

  • SI alla pena di morte

  • per me la rapina in casa equivale ad un reato alla persona , cominciamo a tenerli dentro 10 anni sti' pezzi di bip . vedi se calano le rapine.

    • Per almeno 10 anni di certo. Quando poi escono devono essere cacciati x sempre dal nostro paese, altrimenti questi ricominciano.

      • meglio se 10 anni nelle LORO carceri, a spese loro...

  • Gia' noti alle forze dell'ordine....e perche' ancora in Italia....cosa pensavano che dopo la prima denuncia sarebbero andati a far volontariato alla caritas....poveri cucchi....

  • Avatar anonimo di Macchianera
    Macchianera

    Persone già note ...cosa ci stanno a fare ancora in giro?

  • Si si...si sono integrati ......

  • Se capitano con il giudice boldriniano, una pacca sulla spalla e un "non fatelo piu"...

  • Sarà sempre peggio cari miei....

  • Neanche a casa tranquilli si può stare,ci rendiamo conto in che paese (Italia) siamo?Gemmano è sempre stata la mia isola felice e non ho mai avuto paura di starmene in giardino a prendere il sole!!!adesso dovrò iniziare a preoccuparmi anche di questo. Grazie alla nostra classe politica e a tutte le persone ignoranti che continuano a credere nella loro lealtà e capacità. Questi sono i risultati

    • Prendi il porto d'armi e tieniti una pistola in casa. Meglio difendere la propria abitazione e famiglia facendo secco una di queste zecche piuttosto che lasciarci la pelle per loro. Povera questa persona, sarà segnata per tutta la vita da questa tragedia.

  • Anche questi fuggono da guerre e carestie ? Anche questi sarebbe un atto crudele rispedirli per sempre a casa loro, o perlomeno a scontare le pene x tutto quello che fanno sul oramai non più nostro paese ?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Arriva su Rai3 il documentario della "iena" Alice Martinelli sull'estate riminese

  • Cronaca

    A 95 anni è il più anziano atleta in attività della nostra regione

  • Cronaca

    Il torneo della Gazzetta Dream Cup finisce in una rissa tra calciatori

  • Segnalazioni

    Bike sharing a Rimini, una due ruote finita nel bacino del ponte di Tiberio

I più letti della settimana

  • Tragedia stradale sull'Adriatica: due morti nello scontro tra una moto ed una bici

  • Turista aggredito in pieno giorno, i malviventi gli strappano un prezioso Rolex

  • Operazione "Titano", verso il processo i titolari del Coconuts

  • Giostraio precipita nel vuoto, trasportato d'urgenza in elicottero al "Bufalini"

  • Montevecchi: "Al Santarcangelo Festival porcheria pseudo-culturale chiamata 'arte'"

  • Stop alla movida notturna del Marano, il Questore chiude i locali

Torna su
RiminiToday è in caricamento