Riccione, ritorna in bronzo la statua di Papa Giovanni Paolo II

La statua di Papa Giovanni Paolo II è tornata sul suo piedistallo. È arrivata da Treviso, dall'atelier della scultrice Elena Ortica, la nuova statua in bronzo del Pontefice. Ed è stata immediatamente rimessa al suo posto

Redazione 27 aprile 2012

La statua di Papa Giovanni Paolo II è tornata sul suo piedistallo. È arrivata da Treviso, dall’atelier della scultrice Elena Ortica, la nuova statua in bronzo del Pontefice. Ed è stata immediatamente rimessa al suo posto.  L’originale dell’opera, scolpita in pietra bianca, venne irreparabilmente danneggiata e vilmente oltraggiata da ignoti vandali nella notte di Capodanno. Prosegue intanto la campagna pubblica per la raccolta fondi necessari alla sua ricostruzione. In cassa ci sono già 15.051 euro, contro i 29.200 necessari. Il comitato per la sottoscrizione e le categorie economiche cittadine stanno già studiando nuove iniziative per il finanziamento dell’intera somma

E’ tornata stamane sul suo piedistallo la statua del Beato Papa Giovanni Paolo II, irreparabilmente danneggiata e vilmente oltraggiata da ignoti vandali la notte di Capodanno. La statua, realizzata in  bronzo, è arrivata nelle prime ore della mattinata dall’atelier della scultrice trevigiana Elena Ortica, autrice della prima versione dell’opera, realizzata in pietra bianca di Trani. Al suo arrivo da Treviso, la statua è stata immediatamente rimessa al suo posto dai tecnici di Geat, nel Parco intitolato al Pontefice, all’angolo tra via delle Magnolie e viale Ceccarini alta

L’inaugurazione dell’opera in bronzo avverrà martedì 1° maggio alle ore 18 alla presenza del Vescovo di Rimini Francesco Lambiasi, del Sindaco Massimo Pironi e delle Autorità cittadine, con il seguente programma:

Ore 18: musica, esibizione dei cori cittadini, aperitivo. Ore 19: scoprimento della statua e inaugurazione. Nell’adiacente parco di Villa Lodì Fè, dalle 10 del mattino alle 22 avrà luogo la mostra delle opere della scultrice Elena Ortica, che devolverà una parte dei proventi derivanti dalla vendita delle opere alla copertura delle spese di realizzazione della nuova statua in bronzo del Beato.

Prosegue intanto la campagna di sottoscrizione per il rifacimento dell’opera.   Le donazioni, al momento, hanno raggiunto la somma di 15.051 euro. Il preventivo dei costi ammonta tuttora a 29.200 euro, e comprende il compenso dell’artista (euro 6000),le spese vive di  fonderia (euro 20.000), imballaggi e trasporti (euro 1450), spese varie (montaggio, manifesti volantini, varie (euro 1750).

Nell’incontro svoltosi stamane in Municipio, coordinato dal Servizio di Staff del Sindaco, le Categorie economiche della città hanno annunciato l’intendimento di proseguire nell’opera di sensibilizzazione dei propri iscritti e di contribuire direttamente al finanziamento dell’opera con una grande festa di piazza, che verrà organizzata nel corso dell’estate, i cui proventi verranno per intero destinati alla sottoscrizione. A cui hanno partecipato sinora sia semplici cittadini, con donazioni individuali, sia soggetti collettivi. A tutt’oggi i maggiori sponsor sono: la Banca di Rimini, le Parrocchie cittadine, la Compagnia delle Opere, la Consulta cittadina per la solidarietà, il Consorzio di Viale Ceccarini. L’elenco è destinato ad allungarsi.

Annuncio promozionale

Chiunque, a qualsiasi titolo, può dare il suo contributo, versando sul C/C IT 44 F 06285 24202 T 20020002120 Cassa di Risparmio di Rimini, intestato a Comune di Riccione, via Vittorio Emanuele II n.2, con la causale: “Contributo ricostruzione Statua Beato Giovanni Paolo II”. I singoli cittadini potranno versare il loro contributo anche presso le Parrocchie cittadine, che provvederanno poi a versare l’importo sul Conto corrente indicato.

Riccione
Danneggiamenti

Commenti