Turisti completamente ubriachi devastano stabilimento balneare

Branco di ragazzini sfascia le attrezzature del bagnino, distrutte tre cabine in cemento

Cabine in cemento armato completamente devastate, porte divelte, attrezzature gettate all'aria e caos ovunque. Una vera e propria orda di vandali quella che, nella notte tra domenica e lunedì, si è riversata sulla spiaggia del Bagno 103 di Riccione. Secondo quanto emerso, si sarebbe trattato di cinque giovanissimi turisti, tutti ragazzini sui 16 anni residenti nel milanese, arrivati nella Perla Verde per le festività pasquali. L'impresa del branco, tuttavia, è stata notata da alcuni passanti che hanno dato l'allarme facendo accorrere i carabinieri. La pattuglia dell'Arma si è così trovata davanti il gruppo di giovanissimi, tutti in preda ai fumi dell'alcol, che stavano allegramente devastando lo stabilimento. Tale era la foga di alcuni di loro che, uno di essi, si è anche ferito mentre stava distruggendo le attrezzature del bagnino. Il gruppo è stato fermato dai carabinieri e gli autori sono stati identificati. Avvertiti i genitori, questi ultimi si sono già offerti di ripagare i danni provocati dai figli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

  • Sette persone raccontano la loro esperienza con il coronavirus, c'è anche don Alessio Alasia

Torna su
RiminiToday è in caricamento