Rientra in Italia illegamente, arrestato giovane 32enne

Un albanese di 32 anni, in Italia senza fissa dimora, è stato arrestato nel tardo pomeriggio di lunedì perchè responsabile di reingresso illegale nel territorio italiano dopo l'accompagnamento alla frontiera

Un albanese di 32 anni, in Italia senza fissa dimora, è stato arrestato nel tardo pomeriggio di lunedì perchè responsabile di reingresso illegale nel territorio italiano dopo l’accompagnamento alla frontiera e falsa attestazione in ordine all’identità personale. I Carabinieri dell'Aliquota Operativa e Radiomobile, durante un servizio di pattugliamento delle aree urbane sensibili, hanno sottoposto a controllo il predetto, a loro già noto, in via San Salvador.

L’interessato ha inizialmente fornito false generalità e quindi, a seguito di riscontro Apfis, è risultato essere già stato dal territorio nazionale con accompagnato in frontiera avvenuto il 15 aprile del 2011 L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato infine trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      "Per essere un campione devi essere anche un patacca!"

    • Cronaca

      Tremendo incendio manda in cenere auto in un parcheggio

    • Cronaca

      Hotel chiuso da anni ma da Tripadvisor arrivano promozioni e recensioni

    • Cronaca

      Dopo la notte di sesso sfrenato con l'escort arrivano i ricatti

    I più letti della settimana

    • Salto di carreggiata sull'Adriatica, camion centra la vettura di un ragazzo

    • Minacciato dagli altri detenuti, Eddy Tavares trasferito dal carcere dei "Casetti"

    • Noto industriale riminese indagato per bancarotta fraudolenta

    • Hotel chiuso da anni ma da Tripadvisor arrivano promozioni e recensioni

    • Centrato in pieno da uno scooterista, anziano ciclista in gravi condizioni

    • Niente posta nelle buchette, due postini finiscono indagati per gravi reati

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento