Controlli della Capitaneria di Porto sulla filiera della pesca: trovato pesce avariato

Sono stati elevati 6 verbali amministrativi e sono stati sequestrati circa 800 Kg di prodotto ittico non a norma

Si è conclusa nella giornata di giovedì una complessa operazione della Capitaneria di Porto di Rimini durata 3 giorni che, sia a terra che in mare, ha controllato l'intera filiera delle pesca. Nel mirino dei militari anche i ristoranti, i centri di commercio all'ingrosso e al dettaglio oltre agli automezzi per il trasporto del pesce. Il blitz ha visto interessare tutto il litorale, da Cesenatico a Cattolica, coprendo anche alcune aziende della provincia di Forlì-Cesena dove sono situati i magazzini per lo stoccaggio dei prodotti ittici destinati al mercato europeo. Tra le irregolarità riscontrate più frequentemente, i militari hanno scoperto una etichettatura fuorviante, per spacciare un prodotto di minor pregio per specie di maggiore qualità. Non sono mancate le violazioni delle norme igienico-sanitarie relative alla commercializzazione del prodotto ittico, al suo imballaggio e trasporto, e l’immissione in commercio di prodotto sottomisura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In tutto sono stati eseguiti 30 controlli, di cui 8 in mare, che hanno portato a 6 verbali amministrativi, per un totale di 8mila euro di sanzioni, oltre al sequestro di 800 chili di prodotti ittici risultati sottomisura o in cattivo stato di conservazione. Le operazioni in Adriatico, invece, hanno visto finire nei guai il comandante di un peschereccio denunciato a piede libero in quanto navigava con la documentazione tecnica di sicurezza scaduta Il Comandante della Capitaneria di porto di Rimini, Capitano di Fregata Domenico Santisi, ha dichiarato che l’impegno della Guardia Costiera a tutela delle risorse ittiche sarà continuo e costante, ciò non solo al fine di tutelare la fauna marina e le specie protette, ma anche e soprattutto a tutela dei consumatori attraverso la lotta alle frodi alimentari e alla irregolare immissione sul mercato dei prodotti ittici, avuto particolare riguardo alla tracciabilità del pescato ed al buono stato di conservazione dello stesso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • La Guardia di finanza scopre una "furbetta" del reddito di cittadinanza: denunciata una 60enne

  • Si tuffa con gli amici ma non riemerge: dopo due giorni di agonia muore un ragazzo di 19 anni

  • Il marchio Cocoricò torna sotto la piramide: ad acquistare il brand Enrico Galli

Torna su
RiminiToday è in caricamento