Una "pioggia" di polpette per i medici e gli infermieri: "E' un modo per ringraziarli"

I ristoratori dell'attività 'Per la polpetta' hanno preparato il pranzo per il personale sanitario: "Abbiamo pensato che anche loro hanno bisogno di sostegno in questo momento difficile"

Più di quattro chili di strozzapreti al sugo e una "pioggia" di polpette. A preparare il pranzo per medici e infermieri del reparto di Rianimazione e Terapia intensiva dell'ospedale Infermi sono stati i ristoratori dell'attività "Per la polpetta". Un locale specializzato in uno dei piatti tipici italiani, una polpetteria che aperto lo scorso luglio a Rimini e che in tanti ormai apprezzano. "Abbiamo pensato di cucinare il pranzo per chi in queste settimane sta facendo turni massacranti e si prende cura in modo straordinario dei pazienti positivi al Covid19, ma non solo - afferma il 25enne riminese Franco Sacco - Stanno combattendo una super battaglia".
E, quindi, i cuochi si sono messi ai fornelli per preparare un menu speciale. "Tutti noi dello staff abbiamo pensato come potere aiutare e la scelta è ricaduta sul personale sanitario. Ci siamo chiesti, 'chi si prende cura di loro?, così questa mattina ci siamo messi in contatto con l'ospedale e alle 14.15 siamo arrivati con il pranzo già diviso in porzioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che menù avete preparato?
"Molto semplice perché doveva essere anche pratico e veloce da mangiare. Abbiamo cucinato gli strozzapreti fatti in casa, al sugo, un piatto romagnolo, che speriamo li abbia fatti sentire più vicino alle loro famiglie, e le polpette, che sono la cifra del nostro locale".
Hanno apprezzato?
"Direi di sì, le infermiere che sono venute a ritirare le porzioni fuori dal reparto ci hanno detto che per loro era un sogno, non hanno neanche il tempo per fermarsi a mangiare. E poi tutti insieme ci hanno inviato un messaggio per ringraziarci. Erano felici, il nostro obiettivo è stato raggiunto".
Lo rifarete?
"Noi siamo disponibili e speriamo che anche altri ristoratori ci seguano, ognuno può fare la propria parte e dare un sostegno a chi in questo momento si prende cura di tutti. Ma le persone da potere aiutare e non fare sentire sole sono molte, c'è solo l'mbarazzo della scelta".
Il vostro locale è chiuso, avete molte richieste per gli ordini a domicilio?
"Sono aumentate molto, il lavoro non manca. Speriamo di tornare presto in pista. Dobbiamo fare tutti un sacrificio, ma ce la faremo insieme".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Covid-19, altri 19 guariti. Cinque nuovi contagiati: i positivi totali sono 163

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Cade da un'impalcatura e impatta dopo un volo di 5 metri: grave un operaio

Torna su
RiminiToday è in caricamento