Processione contro il Summer Pride, l'arcigay: "I manifesti erano abusivi e sono stati rimossi"

Il presidente Tonti: "Predicano bene e razzolano male, non erano stati chiesti i permessi, oltre al cattivo gusto, avevano affisso nelle plance per gli annunci mortuari"

Una protesta nella protesta, ma nel testa a testa contro il Summer Pride ad avere la peggio è stato il comitato Beata Chiara da Rimini. Da giorni sulle plance comunali funebri, in diverse zone, era affisso il manifesto con l'invito alla processione di riparazione per la manifestazione che si terrà sabato.

"Questa volta hanno esagerato - spiega Marco Tonti, presidente Arcigay - hanno infatti occupato le plance con manifesti abusivi, non era stata chiesta l'autorizzazione e così, oltre a segnalare subito all'ufficio affissione del Comune la situazione, ho fatto un atto dimostrativo con il controvolantino che recitava 'Affissione abusiva e bigotta'. Senza parlare del cattivo gusto, avevano affisso negli spazi dedicati ai manifesti funebri. Abbiamo iniziato a ricevere segnalazioni e da qui sono nati i controlli. Il Comune ha provveduto a farli rimuovere".

L'amministrazione comunale ha infatti intimato alla società che gestisce quegli spazi di affissione di coprirli. E, molti sono stati rimossi e non solo coperti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa al ristorante: arrivano gli ospiti di 'Ballando con le Stelle'

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • La gelosia e i maltrattamenti dietro il feroce pestaggio di Sant'Andrea in Besanigo

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Banda del bancomat in azione, malviventi messi in fuga dai carabinieri

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

Torna su
RiminiToday è in caricamento