Travolse ed uccise donna in zona stadio, chiesto l'ergastolo

E' accusato di omicidio volontario per aver travolto cinque donne in bici nel settembre del 2006 in zona Stadio, uccidendone una. Per Eder Marila, albanese di 30 anni, il pm di Rimini Marino Cerioni ha chiesto l'ergastolo

E' accusato di omicidio volontario per aver travolto cinque donne in bici nel settembre del 2006 in zona Stadio, uccidendone una. Per Eder Marila, albanese di 30 anni, il pubblico ministero di Rimini Marino Cerioni ha chiesto l'ergastolo e 18 mesi di isolamento. Al momento dell'incidente, l'extracomunitario si trovava al volante di una vettura rubata. Secondo alcuni testimoni, Marila, dopo esser sceso dalla vettura, ripartì passando sul corpo della signora.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quest'ultima morì dopo alcuni giorni di agonia. La difesa dell'imputato, rappresentata dagli avvocati Mauro Crociati e Massimiliano Cornacchia, chiederanno al giudice la perizia psichiatrica. Inoltre hanno contestato la veridicità dei riscontri sul Dna. Prossima tappa del processo il 19 dicembre, con le arringhe della difesa. Quindi sarà la volta della sentenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

Torna su
RiminiToday è in caricamento