Spaccio e risse: sigilli al kebab di via Dei Mille

Sigilli al Kebab di via Dei Mille, a Rimini. Il provvedimento è stato disposto dal Questore Oreste Capocasa sulla base dell'articolo 100 del Tulps, comma 1 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773

Sigilli al Kebab di via Dei Mille, a Rimini. Il provvedimento è stato disposto dal Questore Oreste Capocasa sulla base dell'articolo 100 del Tulps, comma 1 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, "per motivi di tutela dell'ordine pubblico e della sicurezza pubblica", e notificato lunedì al titolare del punto vendita, un bengalese di 31 anni residente a Milano. La decisione è stata presa alla luce di una serie di interventi effettuati dalla Polizia nel locale.

Il Kebab è stato spesso ritrovo di spacciatori, ma non solo. In molte occasioni si sono verificati schiamazzi e risse, non tollerati più dai residenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rimini il primo caso di contagio in Romagna

  • Coronavirus a Rimini, il malato un cacciatore cattolichino rientrato da una battuta in est Europa

  • Positivo al Coronavirus, scatta la quarantena per chi è venuto a contatto col cattolichino

  • L'ordinanza: chiuso il ristorante dell'uomo colpito dal Coronavirus e tutti i luoghi di aggregazione

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Il ristoratore malato di Coronavirus era rientrato in Italia da pochi giorni

Torna su
RiminiToday è in caricamento