Dalla rissa alle "Cantinette" alle manette per spaccio

Un 28enne tunisino è stato arrestato mercoledì pomeriggio dagli agenti della Squadra Mobile di Rimini con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

Era rimasto coinvolto nella maxi rissa alle Cantinette scoppiata nella nottata tra il 4 e il 5 aprile scorsi. Un 28enne tunisino è stato arrestato mercoledì pomeriggio dagli agenti della Squadra Mobile di Rimini con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'extracomunitario è stato fermato nei pressi di un albergo in via Rimembranze, dove alloggiava. Al momento della perquisizione è stato trovato con 60 grammi di eroina.

La perquisizione effettuata nella sua stanza ha permesso di scoprire ben 1.030 euro, che gli investigatori ritengono provento dell'attività di spaccio. Per il 28enne si sono aperte le porte del carcere.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Speriamo che ci resti a lungo, o meglio ancora che lo rimandino in Tunisia, che se lo beccano li a spacciare, altro che nastro sulla bocca mentre viaggia in aereo.... a scandalizzarci noi buonisti della domenica.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Per essere un campione devi essere anche un patacca!"

  • Cronaca

    Tremendo incendio manda in cenere auto in un parcheggio

  • Cronaca

    Hotel chiuso da anni ma da Tripadvisor arrivano promozioni e recensioni

  • Cronaca

    Dopo la notte di sesso sfrenato con l'escort arrivano i ricatti

I più letti della settimana

  • Salto di carreggiata sull'Adriatica, camion centra la vettura di un ragazzo

  • Minacciato dagli altri detenuti, Eddy Tavares trasferito dal carcere dei "Casetti"

  • Noto industriale riminese indagato per bancarotta fraudolenta

  • Hotel chiuso da anni ma da Tripadvisor arrivano promozioni e recensioni

  • Centrato in pieno da uno scooterista, anziano ciclista in gravi condizioni

  • Niente posta nelle buchette, due postini finiscono indagati per gravi reati

Torna su
RiminiToday è in caricamento