domenica, 20 aprile 11℃

Lo scontrino incastra espositore: aveva reperti archeologici

Un 43enne siciliano, residente a Cesena, è stato denunciato dalla Guardia di Finanza di Rimini per "impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato"

Redazione23 maggio 2012

Un 43enne siciliano, residente a Cesena, è stato denunciato dalla Guardia di Finanza di Rimini per “impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato”. I militari, impegnati in una serie di controlli fiscali lo scorso 6 maggio a Santarcangelo nel corso della fiera “Vintage & Galm”, hanno sanzionato il 43enne poiché non aveva emesso lo scontrino ad un cliente. Nel corso degli accertamenti, l’espositore è stato trovato in possesso di una valigetta nera con reperti archeologici.

Annuncio promozionale

Si tratta di statuette, monete e vasi. Nella sua abitazione sono invece spuntate altre 150 monete di epoca romana, greca e bizantina, una statuetta in bronzo, due statuette in terracotta e 15 vasetti e ciotole in terracotta. L’uomo ha spiegato di aver trovato i reperti nella zona sud-occidentale della Sicilia, scavando e cercando con il metal detector nei pressi della casa dei suoi genitori. Ma questo non è bastato per evitargli una denuncia a piede libero.

Santarcangelo di Romagna
Guardia di Finanza

Commenti