Scuole chiuse per neve, la banca accoglie i figli dei dipendenti

L'istituto di credito della Repubblica di San Marino ha deciso di intervenire per aiutare i propri lavoratori

Tree giorni di allerta neve, con strade ai limiti della praticabilità nelle fasce più alte della provincia di Rimini, e gli istituti scolastici chiusi su ordinanza dei sindaci. Una situazione non facile per le tante famiglie in cui, mamma e papà, sono costretti a fare i salti mortali per trovare chi possa accudire i figli. Ed è proprio in questo contesto che la Banca di San Marino, sulla Repubblica del Titano, ha deciso di venire in aiuto dei suoi dipendenti. L'istituto di credito, attraverso un post sul suo profilo di Facebook, ha voluto informare i propri clienti che, in questi giorni di emergenza, ha autorizzato i propri dipendenti a farsi accompagnare dai figli al lavoro e, allo stesso tempo, ha voluto chiedere scusa ai propri clienti se, nelle filiali, ci potranno essere dei problemi o ritardi. Nella nota, diffusa attraverso il social network, la Banca di San Marino si è detta certa che "i clienti, con i quali ci scusiamo per gli eventuali disagi, capiranno tale decisione: il rumore e la gioia dei bambini porteranno solo più colore e allegria in giornate così difficili per tutti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Quelle strane coincidenze", Wuhan e Codogno vicini alla fiera del Sigep

  • Quattro pazienti in Rianimazione riprendono a respirare da soli: per loro si intravede la luce in fondo al tunnel

  • Si prendono gioco di polizia e quarantena: sesso a 3 in strada davanti al comando

  • Il ministro dell'Istruzione: "L'anno scolastico sarà valido"

  • Coronavirus, ecco i varchi d'accesso per la provincia di Rimini: sono in tutto 38 strade

  • Ristoratore stroncato da un improvviso malore nella sua abitazione

Torna su
RiminiToday è in caricamento