Servizi educativi per l'infanzia: approvati i nuovi criteri e le modalità di accesso

Particolare attenzione a minori con fragilità, nuclei famigliari in difficoltà e con attività lavorative precarie. Obbligatoria la copertura vaccinale

Minori con fragilità, nuclei famigliari in difficoltà e attività lavorative precarie, questi i criteri di priorità voluti dalla Giunta del Comune di Rimini nell'individuare i criteri, le modalità e le condizioni di accesso ai servizi educativi per l'infanzia per l'anno scolastico 2018/2019. Si conferma il recepimento dell'obbligo vaccinale e si rinforza la priorità di accesso sia per i minori con handicap certificato sia per chi si trova in situazione di grave disagio familiare ed è seguito dal servizio tutela minori; confermata inoltre l'equiparazione dei punteggi tra lavoratori dipendenti ed autonomi. La vera novità è quella del punteggio assegnato ai nuclei incompleti, ovvero ai minori che vivono con un genitore assente per separazione e divorzio, anche per compensare il punteggio del genitore “mancante”, una casistica sempre più frequente nello scenario famigliare riminese.

Si ricorda che l'accesso ai servizi ai nidi comunali per l'infanzia è riservata ai minori dai 3 ai 32 mesi residenti nel Comune di Rimini o in affido a famiglie residenti sul territorio comunale. L'accesso alle scuole di infanzia è invece riservata a bambini dai 3 ai 5 anni, il cui inserimento sarà diviso nelle fasce piccoli, medi e grandi, con la presenza in alcuni plessi di classi miste.Il Comune di Rimini gestisce attualmente 11 nidi e 17 scuole per l’infanzia con una capienza rispettivamente di 508 bambini ( nido ) e 1.218 ( scuola infanzia ), dando una risposta sostanziale alla domanda territoriale

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Un sistema integrato – è il commento dell'assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini, Mattia Morolli – che permette di dare una risposta sostanziale alla domanda del territorio. I criteri di accesso stabiliti confermano l'attenzione prioritaria verso i minori e le famiglie più in difficoltà, per le quali sono previste anche sostegni di welfare. Grazie ad una lettura più dinamica e puntuale della composizione della nostra comunità locale abbiamo confermato l'equiparazione tra dipendenti ed autonomi inserita l'anno scorso, che permette a tanti nuclei famigliari – soprattutto formati da giovani coppie ma non solo - con lavori part time o a tempo determinato – una categoria in crescita – di avere gli stessi punteggi dei lavoratori a tempo indeterminato. Una lettura che quest'anno inserisce una particolare attenzione, tra gli altri, ai figli di coppie separate o divorziate.” 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si prendono gioco di polizia e quarantena: sesso a 3 in strada davanti al comando

  • "Quelle strane coincidenze", Wuhan e Codogno vicini alla fiera del Sigep

  • Ristoratore stroncato da un improvviso malore nella sua abitazione

  • "Se curva epidemiologica non si abbassa, entro le prossime 2 settimane servono ospedali da campo"

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

Torna su
RiminiToday è in caricamento