Si aggravano le misure cautelari, per due malviventi si aprono le porte del carcere

A finire dietro le sbarre sono stati un 56enne, residente a Coriano, e un 28enne spezzino

Nel corso della giornata di mercoledì i carabinieri della Comagnia di Riccione hanno eseguito due arresti nei confronti di altrettanti malviventi che si sono visti aggravare le misure cautelari alle quali erano sottoposto. Il primo è un 56enne, residente a Coriano e vecchia conoscenza della forze dell'ordine. L'uomo è stato colpito da un ordine di carcerazione, emesso dal tribunale di Rimini, in quanto deve scontare una pena residua di 5 anni e 6 mesi per detenzione ed alterazione di armi.

A un 28enne spezzino, invece, già domiciliato presso la comunità terapeutica di “San Patrignano” si è visto revocare la msura cautelare degli arresti domiciliari e sostituita con quella del carcere. Il giovane, accusato di rapina, era stato accolto nel centro di recupero ma, più volte, si era dimostrato inottemperante alle regole impostegli presso predetta comunità terapeutica.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Terremoto di Santarcangelo, conclusi i controlli sugli edifici pubblici: "Lunedì scuole aperte"

  • Cronaca

    Scossa di terremoto a Santarcangelo, sospesa la circolazione dei treni

  • Cronaca

    Forte scossa di terremoto sulla Riviera, raggiunti i 4,2 di magnitudo

  • Sport

    Derby senza reti: il Rimini strappa un buon punto sul campo del Ravenna

I più letti della settimana

  • Forte scossa di terremoto sulla Riviera, raggiunti i 4,2 di magnitudo

  • Scossa di terremoto a Santarcangelo, sospesa la circolazione dei treni

  • Appena uscito dal carcere torna a massacrare di botte la fidanzata

  • Terremoto di Santarcangelo, conclusi i controlli sugli edifici pubblici: "Lunedì scuole aperte"

  • Ennesima auto data alla fiamme, ad andare in cenere è stata una Bmw

  • Apre una nuova hamburgheria stile "figli dei fiori", specializzata in prodotti vegani

Torna su
RiminiToday è in caricamento