Si aggravano le misure cautelari, per due malviventi si aprono le porte del carcere

A finire dietro le sbarre sono stati un 56enne, residente a Coriano, e un 28enne spezzino

Nel corso della giornata di mercoledì i carabinieri della Comagnia di Riccione hanno eseguito due arresti nei confronti di altrettanti malviventi che si sono visti aggravare le misure cautelari alle quali erano sottoposto. Il primo è un 56enne, residente a Coriano e vecchia conoscenza della forze dell'ordine. L'uomo è stato colpito da un ordine di carcerazione, emesso dal tribunale di Rimini, in quanto deve scontare una pena residua di 5 anni e 6 mesi per detenzione ed alterazione di armi.

A un 28enne spezzino, invece, già domiciliato presso la comunità terapeutica di “San Patrignano” si è visto revocare la msura cautelare degli arresti domiciliari e sostituita con quella del carcere. Il giovane, accusato di rapina, era stato accolto nel centro di recupero ma, più volte, si era dimostrato inottemperante alle regole impostegli presso predetta comunità terapeutica.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Inaugurata la casa per i disabili intitolata a Marco Simoncelli

  • Cronaca

    Pizzicati a contrattare sesso a pagamento con le lucciole, multati e segnalati alla Finanza

  • Cronaca

    Ubriaco fradicio in discoteca picchia buttafuori e agenti della polizia di Stato

  • Cronaca

    Torte monumentali e barman robot per i 40 anni del Sigep

I più letti della settimana

  • Barba, capelli e cocaina: il barbiere a capo della banda di pusher

  • Forte scossa di terremoto, il sisma avvertito in tutta la Romagna

  • Anche mamme coi neonati si rifornivano di cocaina dai pusher della Valmarecchia

  • Souvenir della II Guerra Mondiale: in casa 100 mitragliatrici e decine di bombe e granate

  • Pollo alla marijuana, titolare della rosticceria arrestato con 70 chili "d'erba"

  • Scippata nel Borgo San Giuliano, la vittima insegue il ladro e lo sperona in bici

Torna su
RiminiToday è in caricamento