Si serve della figlia minorenne per consegnare cocaina ai clienti

Scoperta dalla polizia di Stato l'attività famigliare messa in piedi dai due che sono stati entrambi arrestati

Un'impresa famigliare a tutti gli effetti quella messa in piedi da padre e figlia minorenne che, smascherati dalla sezione Antidroga della Squadra Mobile della Questura di Rimini, sono stati arrestati per spaccio. Che l'uomo, un 49enne campano, fosse un pusher era un forte sospetto degli inquirenti della polizia di Stato e il padre di famiglia è stato tenuto costantemente sotto controllo. Nel corso dei pedinamenti, nella giornata di martedì, il personale della Mobile ha notato il campano in sella a uno scooter insieme a una ragazza. Entrato in un negozio, il campano ha parlottato col titolare per poi allontanarsi non sospettando di essere seguito. Gli agenti, a loro volta, sono entrati nell'attività commerciale e dopo una breve perquisizione hanno trovato due dosi di cocaina nascoste in un recipiente sul bancone. Il proprietario, messo alle strette, non ha potuto far altro che confermare i sospetti spiegando che il 49enne era il suo fornitore abituale di "neve" e che in quella circostanza la droga gli era stata consegnata, su ordine del padre, dalla figlia minorenne.

Il passo successivo del personale della Mobile è stato quello di bussare a casa dei due ed eseguire una perquisizone domiciliare nel corso della quale sono spuntate altre dosi di cocaina e hashish, oltre a un bilancino di precisione e tutto l'armamentario per confezionare le dosi, e la riproduzione di una pistola semiautomatica sprovvista di tappo rosso. Tutto il materiale è stato sequestrato ed entrambi sono stati arrestati con l'accusa di spaccio di sostanze stupefacenti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta all'alba, si toglie la vita nel parcheggio del centro commerciale

  • Pronto a nascere il maxi outlet con un investimento da 150 milioni di euro

  • Aereo "perde" il motore, atterraggio d'emergenza al "Fellini"

  • Stroncato da un malore durante la partita di calcetto muore a 28 anni

  • Clan emergente voleva prendersi Rimini con una guerra di camorra: segno distintivo, le mani frantumate col martello

  • Amazon a Santarcangelo, il colosso dell'e-commerce ha aperto i battenti

Torna su
RiminiToday è in caricamento