Tutto in regola, ma s'innervosisce al controllo: nascondeva un chilo di "maria"

L'uomo è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo

I Carabinieri di Viserba hanno tratto in arresto in flagranza per "detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti" un riminese di 28 anni, già noto alle forze dell’ordine. In particolare, nel corso del quotidiano servizio d’istituto, giovedì i militari hanno controllato un uomo alla guida della propria utilitaria che, sebbene i documenti di guida e circolazione fossero in regola, ha mostrato segni di agitazione. I militari hanno perquisito il mezzo, trovando nel bagagliaio un sacchetto sottovuoto contenente 1.030 grammi di marijuana.

La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire quattro sacchetti sottovuoto contenenti complessivamente 53 grammi di hashish nonché la somma di 2.800 euro ritenuta provento della pregressa attività di spaccio. La sostanza stupefacente rinvenuta è stata sequestrata in attesa di esperire le analisi di laboratorio del caso. Processato per direttissima, sabato è stato condannato a 2 anni di reclusione ed alla multa di 2.800 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rimini il primo caso di contagio in Romagna

  • Il ristoratore ha ‘esportato’ il virus in Romania, malato un 20enne dipendente del suo locale

  • Coronavirus a Rimini, il malato un cacciatore cattolichino rientrato da una battuta in est Europa

  • Coronavirus, la Regione annuncia due nuovi casi a Rimini. In 40 in isolamento volontario

  • Positivo al Coronavirus, scatta la quarantena per chi è venuto a contatto col cattolichino

  • L'ordinanza: chiuso il ristorante dell'uomo colpito dal Coronavirus e tutti i luoghi di aggregazione

Torna su
RiminiToday è in caricamento