Chiuso market della droga: cocaina e marijuana in lavatrice

Avevano nascosto ben 600 grammi di cocaina e 200 di marijuana nel cestello della lavatrice. Un quantitativo di droga, ancora da dividere in dosi, che messa sul mercato avrebbe fruttato più di 200mila euro.

Redazione 16 aprile 2012
1

Avevano nascosto ben 600 grammi di cocaina e 200 di marijuana nel cestello della lavatrice. Un quantitativo di droga, ancora da dividere in dosi, che messa sul mercato avrebbe fruttato più di 200mila euro. Un famiglia di cinque albanesi è stata arrestata domenica dagli agenti della Squadra Mobile di Rimini con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti a conclusione di una rapida inchiesta, nata dall’andirivieni di persone sospette dalla loro abitazione.

Il “boss” di casa è un 54enne, sposato con una 40enne e padre di tre figli, rispettivamente di 21, 24 e 28 anni, tutti noti per reati contro la persona. Il quintetto aveva preso in affitto un’abitazione in via Sacco. Le chiavi del locale lavanderia, adibito a magazzino della droga, le aveva la madre. Nella camera di due dei figli, gli agenti invece hanno trovato marijuana, mentre nella stanza del terzo figlio è stata rinvenuta sostanza da taglio.

Il padre era arrivato in Italia nel '99, portando con se' la famiglia che aveva trovato un appartamento in affitto in un rispettabile condominio di Misano di proprietà di un residente all'estero. Della palazzina, su quattro appartamenti solo quello della famiglia albanese era occupato. Sistemazione ideale, secondo gli inquirenti, per trasformarlo all'insaputata dei proprietari in un vero e proprio 'quartier generale' dello spaccio di cocaina in zona, frequentato da noti professionisti di Riccione, Misano e Pesaro.

Nonostante il notevole giro d'affari della famiglia, la polizia non ha trovato contanti né conti correnti, ma solo postepay e documenti di money transfer usati per inviare denaro all'estero. Secondo gli investigatori, la famiglia aveva buoni agganci per rifornirsi di cocaina in Albania da dove il padre era rientrato lo scorso 11 aprile. Semplice, ma efficace il nascondiglio della roba: il cestello di una lavatrice, collocata in una rimessa nel sottoscala della casa.

Annuncio promozionale

Domenica, dopo una serie di appostamenti, che hanno permesso di verificare un continuo via vai di persone, è scattato il blitz della Polizia, che ha permesso di scoprire la droga ed arrestare i cinque spacciatori. Ora si trovano in carcere, a disposizione della magistratura.

Misano Adriatico
droga

1 Commenti

Feed
  • Avatar di beppe

    beppe Abbiamo di nuovo scoperto l'acqua calda .... di cosa vivono se non fanno niente tutto il giorno, visto che noi comuni mortali lavoriamo ci sobbarchiamo una tonnellata di tasse e facciamo fatica ad arrivare a fine mese .... SPACCIANDO, cioè VENDENDO VELENO AI NS FIGLI .... per cortesia non fateli uscire + di galera.

    il 17 aprile del 2012