Autobus: nuove tariffe agevolate per famiglie numerose, disabili e anziani

Per il 2016 (la tariffa è valida dal primo gennaio) con l'abbonamento agevolato "Mi muovo insieme" si potrà viaggiare tutto l'anno, in ambito urbano od extraurbano, a 147 euro, con la possibilità di ulteriori vantaggi per altre tipologie di percorsi.

Famiglie numerose, portatori di handicap e invalidi civili, anziani in condizione di fragilità e rifugiati; sono questi i soggetti beneficiari delle tariffe agevolate per il trasporto  pubblico, denominate “Mi muovo insieme”, approvate dalla Giunta del Comune di Rimini. Un intervento di sostegno sociale al trasporto  pubblico reso possibile grazie ad uno specifico accordo regionale che prevede lo stanziamento di risorse importanti (un milione di euro per gli Enti Locali della Regione Emilia Romagna) ai Comuni per il supporto alla mobilità di soggetti con fragilità sociale. Per il 2016 (la tariffa è  valida dal primo gennaio) con l'abbonamento agevolato “Mi muovo insieme” si potrà viaggiare tutto l'anno, in ambito urbano od extraurbano, a 147 euro, con la possibilità di ulteriori vantaggi per altre tipologie di percorsi.

La Giunta del Comune di Rimini, nell'ambito delle autonomie concesse agli Enti Locali dalla Regione Emilia Romagna, ha individuato le seguenti categorie di soggetti beneficiari: famiglie numerose (con 4 o più figli) e con Isee non superiore a 18mila euro; categorie con disabilità; persone di sesso maschile di età non inferiore a 65 anni, di sesso femminile di età non inferiore a 63 anni nel 2016, a 64 anni nel 2017 e a 65 anni dal 2018, con Isee del nucleo familiare non superiore a 15mila euro; rifugiati e richiedenti asilo.

“Quello del trasporto – è il commento dell’amministrazione comunale – è uno degli aspetti più critici per le persone con fragilità sociali. Le risorse impegnate con il servizio ‘Mi muovo insieme’ vanno nella doppia direzione di sostenere la mobilità di persone più in difficoltà e, nel farlo, di favorire l'utilizzo del trasporto pubblico. Un intervento che va nella direzione di un welfare diffuso aperto a nuove categorie sociali e ad ambiti anche diversi da quelli più tradizionalmente afferenti ai servizi sociali”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • praticamente il trasporto pubblico diventa mutualistico-assistenziale e/o un servizio sociale, lontanissimo dal ruolo strategico di un territorio che vuole dirsi innovativo. infatti credo che il trasporto pubblico debba attirare utenti che oggi non lo utilizzano e debba essere usato come un consueto utile servizio e non come un occasionale e degradato spostamento. se pur con buone intenzioni l'iniziativa non mi piace anche perché i disoccupati o le persone che hanno comunque un basso reddito non vengono considerate, nemmeno giovani coppie con figli che magari hanno lavori "precari". ma sti "rifugiati/richiedenti asilo" quando si prevede che riescano a vivere qua senza gravare sulla comunità ospitante? e quando sarebbe previsto il "vantaggio" che dovrebbero (a detta della sinistra) portare alla nostra società così aperta e solidale? cara giunta del comune di rimini questa volta ti sei mangiata due punti.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Interrogato il presunto stupratore, nega tutto davanti al giudice

  • Cronaca

    Incendio nella rimessa delle auto, evacuata l'abitazione

  • Cronaca

    Tutto in una notte: torna anche a dicembre la "Rimini Shopping Night"

  • Cronaca

    Si schianta contro auto in sosta e fugge, individuato l'automobilista pirata

I più letti della settimana

  • Orrore nella notte, violentata bambina di appena 6 anni

  • Ritrovato senza vita nel suo appartamento, era morto da giorni

  • Mamma e figlio investiti sulle strisce pedonali all'uscita di scuola

  • Muore durante una coronarografia, la Procura apre inchiesta

  • La banda dalla Nissan Micra, caccia all'uomo nelle campagne

  • Capannone in fiamme, vigili del fuoco al lavoro per tutta la notte

Torna su
RiminiToday è in caricamento