Armati di pistola svaligiano la farmacia, terzo colpo al Ghetto Turco

La titolare esasperata: "Non ne possiamo più, continuiamo a vivere nel terrore dei malviventi"

Terza rapina a mano armata per la farmacia del Ghetto Turco, in via Rosmini, assaltata nel tardo pomeriggio di martedì da due malviventi armati di pistola. Il colpo è andato in scena verso le 19 quando i rapinatori, col volto coperto, hanno fatto irruzione nella struttura di via Rosmini puntando la pistola contro la titolare che non ha potuto far altro che aprire la cassa e consegnare i contanti. Un bottino ingente e, quando l'incasso della giornata è passato di mano, i due malviventi sono fuggiti facendo perdere le proprie tracce mentre, dalla farmacia, è scattato l'allarme che ha fatto accorrere i carabinieri. Gli inquirenti dell'Arma hanno acquisito le immagini delle telecamere a circuito chiuso con la speranza che, dai fotogrammi, possano emergere elementi utili ad identificare gli autori del colpo. "Per me è la sesta rapina e la terza da quando sono qui - ha spiegato la farmacista esasperata. - Non ne possiamo più di vivere con il continuo terrore dei rapinatori armati che fanno irruzione eci spaventano a morte",

Potrebbe interessarti

  • Aiuto! Ho le formiche in casa: ecco come allontanarle

  • Come allontanare api, vespe e calabroni con rimedi naturali

  • Arredare casa al mare: idee e consigli per l'arredo perfetto

  • Cervicale: sintomi, rimedi ed esercizi

I più letti della settimana

  • Violento temporale notturno, scaricati in mare i liquami fognari scatta lo stop alla balneazione

  • Maxi concorso in Regione, l'Emilia-Romagna pronta ad assumere quasi 1500 persone

  • Rinuncia alla plastica e aumenta i clienti: una gastronomia riminese batte oltre 20mila scontrini dopo la svolta green

  • Ciclista perde la vita dopo un drammatico incidente stradale

  • Schianto in moto alla rotonda alle porte di San Giovanni: grave un 23enne soccorso con l'elimedica

  • Temptation Island 2019, la coppia di riminesi "scoppia" alla prima puntata

Torna su
RiminiToday è in caricamento