AiRiminum punta a sviluppare i mercati del nord Europa per il "Fellini"

L’Amministratore Delegato Leonardo Corbucci: "L'assenza di collegamenti diretti tra Romagna e Germania la vera ragione della situazione attuale"

AiRiminum 2014 S.p.A., società di gestione dell’Aeroporto Internazionale di Rimini e San Marino “Federico Fellini”, dopo la fiera ITB 2017 di Berlino della scorsa settimana, è da oggi presente alla Fiera Passenger Terminal Expo 2017, principale appuntamento internazionale per il settore aeroportuale, che si tiene ad Amsterdam dal 14 al 16 marzo. L’obiettivo della società è quello di accrescere il network di relazioni strategiche con gli aeroporti del Nord Europa, che nelle linee strategiche aziendali rappresenta il mercato per eccellenza da sviluppare per la Romagna. L’Amministratore Delegato di AiRiminum 2014 S.p.A. Leonardo Corbucci, in particolare, è stato invitato dal Fraport’s Global Investment and Management Team all’evento Airport Exchange Dinner la sera del 14 marzo, insieme ad altri esponenti di aeroporti internazionali rientranti nella galassia di Fraport.

La scelta di avvalersi per lo sviluppo dell’Aeroporto Internazionale di Rimini e San Marino “Federico Fellini” del supporto strategico di Fraport - società di gestione dell’Aeroporto di Francoforte - va nella direzione sopra indicata di puntare con decisione già dai prossimi anni sulla crescita dei flussi verso il Nord Europa. Il focus particolare sarà verso il mercato tedesco, che per l’Italia rappresenta di gran lunga il principale cliente dal punto di vista del turismo (Stati Uniti e la Francia, rispettivamente secondo e terzo mercato, rappresentano entrambe circa il 40% del volume tedesco).

Nel 2016 l’Emilia-Romagna ha registrato 440.925 arrivi dalla Germania (+4% rispetto al 2015), la sola Romagna invece 220.595 (50,03% rispetto agli arrivi complessivi in Emilia Romagna) decondo l'Istat. Le potenzialità della Romagna di crescere ulteriormente nel mercato tedesco viene espressa dai dati complessivi relativi agli arrivi dei tedeschi in Italia. I numeri del 2015 (fonte Istat) collocavano l’Emilia-Romagna solo al 6° posto con 423.326 arrivi, ossia, il 3,9% a livello nazionale (la Romagna invece co