Commercio riminese: calano negozi e fatturato

I dati della Camera di Commercio indicano una flessione generalizzata in tutte le tipologie

All’analisi delle dimensioni strutturali e delle dinamiche tendenziali del settore commerciale nel territorio Romagna e nelle sue province (Forlì-Cesena e Rimini) è dedicato il quarto di una serie di approfondimenti settoriali e tematici dell’economia del territorio. Prosegue così l’attività di osservatorio economico territoriale della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini dopo le presentazioni del “Rapporto sull’Economia 2018 e scenari” dello scorso marzo. Nel territorio Romagna (Forlì-Cesena e Rimini), al 31/12/2018, si contano 17.051 imprese attive del settore del commercio, pari al 24,0% del totale (22,5% in Emilia-Romagna e 26,9% in Italia), in diminuzione dell’1,0% rispetto al 31/12/2017 (-1,4% a livello regionale e -0,9% a livello nazionale). In calo le imprese sia del “commercio al dettaglio” (53,9% delle imprese del settore), dell’1,5%, che del “commercio all’ingrosso” (35,7%), dello 0,8%; aumentano, invece, le imprese del “commercio e/o riparazione di autoveicoli e motocicli” (10,4% sul totale settoriale), dell’1,3%.

Gli addetti del commercio nel suo complesso rappresentano il 18,7% del totale degli addetti; in Romagna, inoltre, si concentra il 20,1% degli addetti regionali del settore. L’analisi congiunturale, elaborata da Unioncamere Emilia-Romagna, rileva, nel 2018, una diminuzione delle vendite del commercio al dettaglio, rispetto al 2017, dell’1,5%, a causa del calo delle stesse negli esercizi della piccola e media distribuzione (rispettivamente, -2,8% e -1,6%); aumentano, al contrario, le vendite negli esercizi della grande distribuzione (+0,7%).

In provincia di Rimini, al 31/12/2018, si contano 8.863 imprese attive del settore del commercio, pari al 25,8% del totale (22,5% in Emilia-Romagna e 26,9% in Italia), in diminuzione dell’1,1% rispetto al 31/12/2017 (-1,4% a livello regionale e -0,9% a livello nazionale); calano le imprese del “commercio al dettaglio” (57,1% delle imprese del settore), dell’1,9%, e del “commercio all’ingrosso” (33,5%), dello 0,5%, mentre aumentano le imprese del “commercio e/o riparazione di autoveicoli e motocicli” (9,4% sul totale settoriale), dell’1,6%. Nell’anno 2018, in provincia, si sono verificate 453 iscrizioni a fronte di 738 cessazioni (non d’ufficio); il saldo, pertanto, risulta essere negativo (-285 unità). Gli addetti del commercio nel suo complesso rappresentano il 18,9% del totale degli addetti; sul territorio provinciale, poi, si concentra il 9,8% degli addetti regionali del settore.

Per ciò che concerne il commercio all’ingrosso, la tipologia preponderante è costituita dagli intermediari del commercio (agenti, rappresentanti, mediatori) (56,1% dell’ingrosso), sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente (+0,2%). Riguardo al commercio al dettaglio, trattasi prevalentemente di imprese operanti nel commercio all’interno dei negozi (esercizi specializzati e non) (74,0% del dettaglio), a cui seguono le imprese ambulanti (21,2%) e quelle dedite al commercio per corrispondenza o elettronico (4,8%); quest’ultima tipologia è l’unica che fa registrare un incremento annuo (+8,1%), a differenza delle diminuzioni riscontrate sia per i negozi (-1,8%) che per gli ambulanti (-4,0%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’analisi congiunturale, elaborata da Unioncamere Emilia-Romagna, rileva, nel 2018, una diminuzione delle vendite del commercio al dettaglio, rispetto al 2017, del 2,0%; in flessione le vendite negli esercizi della piccola distribuzione (-3,2%) e in quelli della media distribuzione (-2,9%), in aumento negli esercizi della grande distribuzione (+0,9%). Nello specifico, diminuiscono le vendite sia dei prodotti alimentari (-1,6%) che dei prodotti non alimentari (-2,4%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vittima dei truffatori: "Mi sono fatto fregare da una banda di quaquaraquà"

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta davanti al ristorante

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

Torna su
RiminiToday è in caricamento