Indino (Confcommercio): “Questo nuovo provvedimento mi fa davvero arrabbiare"

Il presidente della provincia di Rimini: "Se si chiede un grandissimo sacrificio, lo si deve chiedere a tutti per tornare il prima possibile alla normalità e rimettere in piedi i cocci delle nostre attività"

Dopo l'annuncio del premier Giuseppe Conte, che mercoldì sera ha varato un nuovo decreto del presidente del Consiglio che impone misure più restrittive per combattere l'epidemia di Coronaviurs, sulla serrata dei negozi interviene Gianni Indino, presidente Confcommercio della provincia di Rimini, che tuona: "Se si chiede un grandissimo sacrificio, lo si deve chiedere a tutti per tornare il prima possibile alla normalità e rimettere in piedi i cocci delle nostre attività".  “I contenuti del Dpcm dell’11 marzo mi fanno davvero arrabbiare. Quello annunciato come il provvedimento forte – spiega Indino - che avrebbe chiuso tutto tranne i servizi essenziali nei fatti invece è rimasto incompiuto. È arrivato il momento delle misure draconiane, decise, intransigenti, anche impopolari, ma comunque forti. Anche se la maggioranza delle persone inizia a capire che deve stare in casa, c’è ancora troppa gente per strada, troppa gente che approfitta delle maglie larghe e non fa il bene della comunità. E con questo atto nella sostanza rimane tutto come prima, o quasi. In pratica da oggi si obbligano a chiudere solamente pubblici esercizi, gli artigiani del food e i negozi di abbigliamento e accessori, quelli che di fatto stavano già autonomamente abbassando le serrande per senso di responsabilità personale. Lavoratori di profumerie, lavanderie regolarmente dietro al bancone, trasporti garantiti, fabbriche attive, imprese edili, operai e artigiani al lavoro. Dove sarebbero i beni di prima necessità? Mi sarei aspettato da parte del governo un intervento ben più deciso e incisivo. In questo modo le persone continuano a girare, i lavoratori continuano a recarsi sul posto di lavoro e vengono a contatto con altre persone. In questa situazione di estrema difficoltà, in cui determinati tipi di aziende sono chiuse già da tre settimane, altre da qualche giorno, perché una misura così lieve? Capiamo l’attenzione alle attività produttive che devono mantenere il proprio mercato e tener fede alle commesse in essere, ma se si chiede un grandissimo sacrificio lo si deve chiedere a tutti. Lo scopo è uscire in fretta da questa situazione drammatica, debellare il virus e tornare il prima possibile alla normalità per rimettere in piedi i cocci delle nostre attività. Il tempo mai come questa volta è prezioso: non si può perdere nemmeno un giorno in più".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per domani è atteso un provvedimento economico - conclude il presidente di Confcommercio della provincia di Rimini. - Mi auguro che ci siano ampi spazi per attingere alla Cassa Integrazione in deroga e ai contributi a fondo perduto anche per le micro e piccole imprese, anche per le Partite Iva, anche per chi è da settimane senza incasso e non sa come fare fronte agli impegni. Le sedi della nostra Associazione sono chiuse fisicamente al pubblico, ma sono attivi i nostri canali telematici, telefono e mail, sono stati presi letteralmente d’assalto dalle richieste di informazioni sulle disposizioni in atto, ma soprattutto sulle modalità di attivazione delle misure di sostegno. Possiamo assicurare che i nostri servizi a supporto delle imprese non verranno mai meno. Ma molte piccole aziende hanno già superato il limite di sopportazione: bisogna fare presto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si prendono gioco di polizia e quarantena: sesso a 3 in strada davanti al comando

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

  • Ristoratore stroncato da un improvviso malore nella sua abitazione

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Diminuiscono i nuovi contagiati. Venturi: "Faccio il tifo per Rimini, ha preso misure draconiane che danno risultati"

Torna su
RiminiToday è in caricamento