Il Gruppo Celli apre 3 nuove filiali: Brasile, Germania e USA

Per l'azienda marignanese proseguendo nonostante l’emergenza da Covid 19 il percorso di consolidamento a livello internazionale

Il Gruppo Celli, la società di San Giovanni in Marignano che opera nel settore degli impianti e accessori per la spillatura di bevande, ha annunciato di aprire tre nuove filiali in Brasile, Germania e USA. L'azienda, fondata nel 1974, conta quasi 600 dipendenti in 6 stabilimenti produttivi situati in Italia e nel Regno Unito ed esporta i propri prodotti in oltre 100 paesi nel mondo. Il Gruppo ha raggiunto nel 2019 un fatturato pro-forma di circa 130 milioni di euro, ottenuto grazie ad una forte crescita, sia organica, sia tramite acquisizioni in Italia e UK.

La nuova filiale europea, a Dusseldorf, che prevede l’apertura di uffici e magazzino logistico, si inserisce in un mercato strategico in cui l’azienda è presente da tempo in tutte le categorie di prodotto (birra, soft-drinks e acqua), e dove Celli ha già attiva una rete di professionisti commerciali di alto livello. Celli Deutschland porterà ulteriore valore aggiunto al business del Gruppo, in particolare permettendo di offrire una nuova gamma di prodotti specificamente studiata per il mercato tedesco, di sviluppare il brand Acqua Alma nel mondo dell’erogazione dell’acqua e di implementare gli innovativi servizi di assistenza tecnica del Gruppo.

L’apertura di Celli North America, nello stato di New York, supporterà invece l’accelerazione della crescita nel primo mercato beverage al mondo, che vede Celli al fianco delle più importanti multinazionali del settore come partner strategico su progetti di innovazione tecnologica. Grazie al piano di espansione commerciale, logistico e produttivo, nonché dei servizi di assistenza tecnica, il mercato americano potrà beneficiare dell’elevato livello di innovazione delle soluzioni dedicate al dispensing di bevande del Gruppo basato su sistemi IOT e data analytics, che lavorano su algoritmi proprietari già sviluppati e consolidati in vari Paesi del mondo.

La terza filiale, Celli Latam, è stata aperta a San Paolo in America Latina, mercato in cui Celli è già leader. Questa apertura in Brasile darà al Gruppo la possibilità di essere più vicino ai propri clienti, garantendo un supporto alla crescita strutturato, e verrà gestita dal personale commerciale Celli già presente in Sud America, che potrà contare su una consolidata rete di distributori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Stiamo attraversando uno dei periodi più difficili della nostra storia recente – dichiara Mauro Gallavotti, CEO del Gruppo Celli – ma siamo convinti che proprio nei momenti di crisi sia necessario investire per costruire i vantaggi competitivi del futuro. È una questione di visione e coraggio. L’espansione internazionale è da sempre parte del DNA del Gruppo e l’apertura di queste tre filiali è un passaggio strategico fondamentale. La ripartenza post Covid-19 prevede solo una strada: riprendere e continuare ad investire nella sostenibilità. Consumare bevande erogate è, e continuerà ad essere, di gran lunga più sostenibile rispetto al consumo di bevande in bottiglia. E questo vale in qualsiasi momento storico, per tutti i consumatori del mondo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vittima dei truffatori: "Mi sono fatto fregare da una banda di quaquaraquà"

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta davanti al ristorante

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Schianto tra due centauri, uno si "infila" nella cuspide piena d'acqua

  • Colpo al traffico di "bianca": arrestato pusher con più di 300 grammi di cocaina

Torna su
RiminiToday è in caricamento