Le pesche sbarcano in spiaggia: patto tra agricoltori e operatori turistici contro l'estate pazza

"Secondo il rapporto Istat/Cnel 2013 sul benessere in Italia - continua la Coldiretti - solo il 18,4 per cento della popolazione ha consumato quotidianamente almeno quattro porzioni tra frutta, verdura e legumi freschi"

Agricoltori ed operatori turistici hanno rinsaldato la loro collaborazione per contrastare l’estate pazza che li ha accomunati, stravolgendo le attività turistiche e quelle agricole. A Riccione, grazie alla collaborazione tra Coldiretti Emilia Romagna, Club Nautico riccionese e gestori degli stabilimenti balneari, sono stati distribuiti quintali di pesche portate sulle spiagge dalle antiche barche, la “Saviolina”, il più antico lancione da pesca di tutto l’Adriatico, e la “Garbein”.

Il maltempo che ha lasciato a casa i turisti ha anche fatto crollare i consumi di frutta e verdura alimentando una spirale negativa che mette a rischio le imprese, ma anche la salute dei consumatori, perché rischiano di consumare frutta e verdura al di sotto del consumo medio giornaliero raccomandato dal Consiglio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Per questo gli agricoltori di Coldiretti Emilia Romagna sono impegnati nella campagna “pesca d’aMare” e dalle campagne a ridosso delle spiagge hanno portato sulla Riviera romagnola pesche e nettarine per rilanciarne il consumo e dare a tutti i turisti la possibilità di consumare la componente più importante della dieta estiva.

"Secondo il rapporto Istat/Cnel 2013 sul benessere in Italia - continua la Coldiretti - solo il 18,4 per cento della popolazione ha consumato quotidianamente almeno quattro porzioni tra frutta, verdura e legumi freschi che garantiscono l’assunzione di elementi fondamentali della dieta come vitamine, minerali e fibre che svolgono una azione protettiva, prevalentemente di tipo antiossidante. Il calo è ancora più preoccupante per bambini e adolescenti, con il numero di coloro che mangiano frutta e verdura a ogni pasto sceso al 35 per cento a fronte del 37 per cento nel 2012, mentre quelli che la mangiano una volta al giorno sono passati al 35 per cento contro il 39 per cento e si registra anche un aumento di coloro che non l'assumono o lo fanno un massimo di 2 volte a settimana (31 per cento contro il 24 per cento)".

Insieme al prodotto appena raccolto i produttori di Coldiretti hanno portato nelle spiagge informazioni sulla stagionalità della frutta e sulle caratteristiche benefiche, a partire dalla ricchezza di vitamine e sali minerali di cui la frutta e la verdura sono ricche, per arrivare alla curiosa top ten della frutta che abbronza per una tintarella naturale elaborata in base al contenuto di  Vitamina A della frutta e della verdura estiva che favorisce la produzione nell'epidermide del pigmento melanina per donare il classico colore scuro alla pelle. E allora sul podio salgono di diritto le carote al primo posto con ben 1200 microgrammi di Vitamina A o quantità equivalenti di caroteni per 100 grammi di parte edibile al secondo posto invece ci sono tutti i radicchi e al terzo le albicocche ma sono d’aiuto anche le insalate, i meloni i peperoni, i pomodori, le pesche e i cocomeri.

I produttori di Coldiretti in spiaggia hanno anche fornito informazioni su dove acquistare la buona fresca frutta di stagione, oltre alle indicazioni di comportamenti e conoscenze utili a fare gli acquisti corretti e dove acquistare a prezzi giusti per prodotti di qualità. Nelle province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, 10 botteghe, 36 mercati e 186 aziende agricole di Campagna Amica sono a disposizione dei turisti con prodotti genuini e convenienti perché vengono direttamente dalle campagna romagnole, senza subire lo stress di lunghi trasporti. Sul piano istituzionale, intanto, una prima positiva risposta alla mobilitazione Coldiretti è arrivata con la lettera che il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, ha inviato al Commissario europeo all’Agricoltura e allo sviluppo rurale, Dacian Cioloş, per chiedere che si “valuti, con estrema urgenza, la possibilità di attivare adeguate misure,  eccezionali e transitorie” per fronteggiare la crisi del mercato italiano delle pesche e nettarine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di un passo importante per sostenere le proposte Coldiretti che riguardano interventi che diano al settore migliori prospettive per il futuro: una corretta riconversione varietale; il coordinamento unico per l’immissione del prodotto sul mercato; la regolamentazione del sistema degli sconti e delle vendite sottocosto nella grande distribuzione organizzata; la regolamentazione sul commercio in materia di confezionamento che riduca i costi evitando il moltiplicarsi di formule diverse; lo sviluppo di fondi mutualistici per affrontare le situazioni eccezionali; la progettazione di nuove forme assicurative multirischio che comprendano le situazioni di crisi; l’esclusione della frutta più facilmente deperibile dal sistema del libero servizio nella Grande distribuzione organizzata (Gdo), maggiori controlli sul rispetto delle norme di commercializzazione e sui prodotti di importazione, troppo frequentemente spacciati per italiani. Maggiori informazioni sulle iniziative di Coldiretti per promuovere i consumi di frutta sul sito www.coldiretti.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fermato tre volte in un giorno: "Voglio godermi la vita, tanto le multe non le pago"

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Droga party nel garage per combattere la noia della quarantena

  • A spasso sulla battigia azzanna gli agenti della polizia di Stato

Torna su
RiminiToday è in caricamento