La Notte Rosa si prenota con WhatsApp: l'invenzione di Info-alberghi.com

Il nuovo portale www.info-alberghi.com, che è stato fra i pionieri dell'introduzione delle nuove tecnologie e dell'uso di internet nel turismo in Romagna, dà quest'estate ai viaggiatori la possibilità di contattare direttamente gli hotel tramite la chat di WhatsApp

È una delle app di comunicazione mobile più usate nel mondo, con oltre 500 milioni di utenti attivi. WhatsApp non si usa solamente per chattare e inviare messaggi, ma anche per prenotare la propria vacanza a Rimini e sulla riviera romagnola. Merito di Info-alberghi.com, il servizio di promozione delle strutture ricettive e di prenotazioni online che conta circa 850 hotel aderenti dai Lidi ravennati a Gabicce.

Il nuovo portale www.info-alberghi.com, che è stato fra i pionieri dell'introduzione delle nuove tecnologie e dell'uso di internet nel turismo in Romagna, dà quest'estate ai viaggiatori la possibilità di contattare direttamente gli hotel tramite la chat di WhatsApp, per richiedere informazioni ed effettuare prenotazioni. Un'apposita sezione sul nuovo portale appena ridisegnato e le schede dedicate ai singoli hotel spiegano agli utenti come utilizzare la famosa app per smartphone, per avere un contatto immediato con le strutture e i loro gestori. Un'opportunità che ha già fatto registrare un boom di contatti, soprattutto dai viaggiatori più giovani e smart in vista della Notte Rosa del 4 luglio. Il numero di alberghi che stanno usando WhatsApp per il customer care è in continua crescita, attestandosi al momento su circa 200 strutture in tutta la costa romagnola.

«La chat è un ambiente che avvicina senza filtri gli interlocutori, e consente di instaurare subito un rapporto che facilita il dialogo, l'accordo e la conclusione della prenotazione - spiega Lucio Bonini, giovane albergatore e fondatore di www.info-alberghi.com -. La facilità di comunicazione è propria di WhatsApp, decisamente più friendly rispetto alla mail e anche alla telefonata. Molti utenti lo utilizzano con la stessa semplicità con cui scrivono ad un amico».

Gli hotel che hanno provato il nuovo servizio WhatsApp nella fase sperimentale hanno raggiunto oltre 500 richieste informazioni ciascuno in pochi mesi. «La validità dell'instant messaging di WhatsApp non si riscontra solamente nella quantità di richieste, ma soprattutto nel numero di contatti che si convertono in richieste di prenotazione, più alto rispetto agli strumenti tradizionali su cui finora si sono basati gli hotel». Il sito www.info-alberghi.com da solo conta tra le 10 e le 15 mila visite al giorno, con quasi 2 milioni di visite e 9 milioni di visualizzazioni di pagina nel 2013. Quotidianamente sono oltre 10mila le mail gestite (circa 900mila quelle ricevute in totale nel 2013). Nel nuovo portale www.info-alberghi.com non c'è solo la nuova sezione dedicata alle prenotazioni con WhatsApp. Fra i servizi offerti vi sono ad esempio anche Bimbi gratis, che aiuta le famiglie a battere la crisi consentendo loro di ridurre i costi della vacanza, e l'area Coupon, con sconti e offerte speciali.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Le "notti bianche" della Rimini bene, scagionato il titolare del VickyCristina

  • Cronaca

    Ospizio degli orrori, un Natale sereno per gli anziani. Scattano i sigilli alla struttura

  • Cronaca

    Continua a minacciare la ex e dà fuoco all'auto del nuovo fidanzato di lei

  • Politica

    Ospizio degli orrori, la Lega: "Un film dell'orrore, mai abbassare la guardia"

I più letti della settimana

  • Camion danneggia il cavalcavia: Statale 16 Adriatica chiusa in entrambe le direzioni

  • Nell'ospizio degli orrori gli anziani lasciati senza cibo e nella sporcizia

  • Tragedia sulle strade, ciclista muore travolto da un mezzo pesante

  • La "collina degli orrori", scoperto ospizio dove gli anziani venivano maltrattati

  • Natale e Capodanno "bollente": le coppie cercano l'eros a Saludecio

  • Nella sua scuderia di lucciole anche moglie e sorella mandate in strada a prostituirsi

Torna su
RiminiToday è in caricamento