Turismo: la Riviera vola con 43 milioni di presenze, nel 2018 +2,2%

In aumento sia i turisti italiani che quelli stranieri, il dato degli autoveicoli in uscita ai caselli autostradali della Riviera vede quello di Riccione crescere del 2,1%

Con quasi 60 milioni di presenze, l’Emilia-Romagna centra un altro anno d’oro per il turismo regionale, consolidando la tendenza che la vede come regione che piace sempre di più, in Italia e all’estero. Anche il 2018, infatti, ha visto aumenti nelle presenze e negli arrivi in tutti i settori, dalla Riviera all’Appennino, dalle Città d’arte alle Terme, fino alle altre mete al di fuori degli itinerari tradizionali: 59,6 milioni le presenze turistiche, +4,7% rispetto ai circa 57 milioni registrati del 2017, di per sé già un anno record. Crescita percentuale ancora maggiore per gli arrivi, che in totale sono stati 13,7 milioni, +7% rispetto ai 12,8 milioni del 2017. Per quanto riguarda il dettaglio delle provenienze, il livello di internazionalizzazione vede un turista su quattro scegliere l’Emilia-Romagna dall’estero, con il 24,8% delle presenze e il 26,3% degli arrivi. Il saldo positivo è comunque generale, dato dalla crescita sia degli italiani (+4,2% di presenze, +6,8% di arrivi) che degli stranieri (+6,3% di presenze, +7,8% di arrivi).

E se la Riviera si conferma grande protagonista con i suoi 43 milioni di presenze e 7 di arrivi, rispettivamente +2,2% e +2,9%, la crescita riguarda tutti i comparti, coprendo l’intero territorio regionale: prosegue il boom delle Città d’arte con un +11,2% di presenze e un +14% di arrivi, così come le ‘altre località’, +12,1% di presenze e +7,7% di arrivi, e l’Appennino con un +12,8% di presenze e +8,5% di arrivi. Le Terme, poi, che associate ai servizi benessere sembrano lasciare alle spalle gli anni più difficili con un +9,9% di presenze e un +19,3% di arrivi. In aumento sia i turisti italiani (+1,6% le presenze, +2,6% gli arrivi e) che quelli stranieri (+4,3% le presenze, +4,1% gli arrivi). Guardando poi ai dati del movimento autostradale, considerato nella rilevazione come indicativo di “ripresa economica”, la crescita ha caratterizzato la maggior parte del 2018. E, in particolare, il dato degli autoveicoli in uscita ai caselli autostradali della Riviera indica un incremento complessivo del +0,8% rispetto al 2017, con Ferrara Sud (+3,5%), Valle del Rubicone (+3,8%), Riccione (+2,1%) e Cattolica (+1,3%), superiori alla media.

“Quello dei 60 milioni di presenze turistiche praticamente raggiunto è un traguardo storico- afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini-. Partivamo dai 46 milioni del 2015, dato comunque estremamente rilevante, il che significa aver avuto 14 milioni di presenze in più in Emilia-Romagna negli ultimi quattro anni. Un salto in avanti formidabile, che peraltro si allarga sempre di più a tutto il territorio regionale, dalla Costa, che pure continua ad avere un ruolo centrale, ai circuiti museali legati industrie come quelle motoristiche, auto e moto, che rendono l’Emilia-Romagna celebre nel mondo, dalla montagna alle città d’arte. Un’offerta ampia e completa, frutto anche della scelta che abbiamo fatto di valorizzare i territori, le Destinazioni turistiche e le aree di prodotto, e quindi con una riconversione del comparto turistico regionale, che credo trovi in Parma capitale della cultura italiana nel 2020 il suo naturale coronamento, oltre che un’altra magnifica opportunità. Un risultato straordinario- chiude Bonaccini- che racconta del grande lavoro di squadra realizzato in questi anni grazie al contributo di tutti: amministrazioni locali, territori, operatori. E il 2019, con i grandi eventi che l’Emilia-Romagna metterà in cartellone, a partire da quelli sportivi, si annuncia come un altro anno capace di richiamare qui tantissime persone e appassionati”.

“Nel 2018 abbiamo stanziato 8 milioni di euro per i progetti di promozione della Destinazione Emilia-Romagna, dalla Riviera all’Appenino, dalle città d’arte al wellness, passando per la Food e la Motor Valley- sottolinea l’assessore regionale a Turismo, Andrea Corsini-. Quest’anno entreranno nel vivo gli interventi per la promozione del turismo in montagna, sostenuti grazie all’accordo con la presidenza del Consiglio dei ministri e la Regione Toscana. E stiamo lavorando, insieme ad Apt servizi, per far conoscere sempre più l’Emilia-Romagna come meta turistica d’eccellenza e competitiva sui mercati internazionali”.

“Da sportivo non posso non riconoscere come il turismo emiliano romagnolo abbia saputo alzare ulteriormente l’asticella- afferma il presidente di Apt Servizi Emilia-Romagna, Davide Cassani- tagliando un traguardo difficilmente immaginabile dopo l’ottima performance della stagione 2017. Siamo competitivi sui mercati internazionali, forti di efficaci azioni promozionali, grazie a un’offerta unica e alla capacità di dare ai nostri ospiti la possibilità di sognare, che si tratti dei bolidi a due e quattro ruote della Motor Valley, dei gioielli Unesco delle città d’arte, della natura incontaminata dell’Appennino e del Delta del Po o dei sapori unici della nostra tavola, per non parlare di un ricco e variegato calendario di eventi e coinvolgenti appuntamenti. Il 2019 vedrà la nostra Regione palcoscenico di eventi sportivi di caratura internazionale; è la migliore premessa perché anche l’anno appena iniziato porti verso un’altra vittoria il turismo dell’Emilia-Romagna”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il trasporto è troppo eccezionale, la barca rimane incastrata nella curva

  • Cronaca

    Fiamme nella sala giochi estiva, in cenere la struttura

  • Cronaca

    Adesca ragazzini sul cellulare, giostraio finisce nei guai

  • Sport

    Superbike, test tutt'altro che semplici a Phillip Island per Rinaldi e Delbianco

I più letti della settimana

  • Camionista ritrovato cadavere nella cabina del proprio mezzo pesante

  • Litiga con la compagna e si da fuoco davanti a lei, in gravi condizioni al "Bufalini"

  • Incidente durante la Messa, sacerdote finisce al pronto soccorso

  • Dopo gli accoltellamenti scatta la chiusura de "La Mulata" da parte del Questore

  • Sparito da 5 giorni, ritrovato cadavere nella sua abitazione

  • I vicini non lo vedono uscire di casa, aprono la porta e lo trovano cadavere

Torna su
RiminiToday è in caricamento