Via libera dall'Europarlamento alla deroga per la pesca di vongole di 22 millimetri

Da oggi, e per tutto il 2020, anche i pescatori dell’Emilia-Romagna potranno continuare a raccogliere e commercializzare i molluschi sottodimensionati

Il Parlamento europeo ha dato il via libera alla pesca di vongole del diametro di 22 millimetri nel mar Adriatico. Da oggi, e per tutto il 2020, anche i pescatori dell’Emilia-Romagna potranno continuare a raccogliere e commercializzare le vongole di mare sotto soglia. “Questa è una gran bella notizia per i nostri pescatori e per l’Emilia-Romagna- afferma l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli-. È una decisione che la Regione ha sempre sostenuto con forza. Già in occasione dell’incontro che ho avuto a Bruxelles circa un mese fa con l’europarlamentare spagnola della Commissione Pesca, Clara Aguilera Garcia, avevo avuto ampie rassicurazioni, ma con il sì dell’Europarlamento arrivato aggi sono stati finalmente fugati tutti i dubbi sulla legittimità della nostra richiesta.  È un ottimo risultato ma sappiamo che non dobbiamo fermarci qui: da adesso c’è un anno di tempo,  per i Governi, per trovare un accordo su una soluzione duratura che dia tranquillità e certezze al comparto”. Il via libera della Commissione Pesca mette così fine ai dubbi riguardo la legittimità dell’estensione della deroga concessa all'Italia sostenuta anche da studi autorevoli che dimostrano che non ci sono  ragioni scientifiche per limitare la pesca nell’Adriatico alle vongole al di sotto dei 25 millimetri fissati dall’Ue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli amici del bar non lo vedono da giorni, ritrovato cadavere in casa

  • Vent'anni fa l'arrivo dal Senegal, la sfida di Sonia: "Apro la mia trattoria romagnola"

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, prevenzione e modalità di trasmissione

  • Vasco Rossi si fermerà a Rimini per venti giorni: le date del "soggiorno"

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Il Comune pronto a demolire balconi trasformati in verande e sale da pranzo coperte

Torna su
RiminiToday è in caricamento