Alba Piolanti racconta le sue donne sovversive

Dopo l’incontro con Michela Marzano dello scorso 26 febbraio, il ciclo di conversazioni “Parla con lei. Sapienza contro violenza” 2016 prosegue domenica 6 marzo con Alba Piolanti, aiutata nell'esposizione da Laura Falqui. Donna dell'Udi (Unione Donne Italiane), Alba Piolanti presenta il suo ultimo volume Sovversive. Donne della provincia di Forlì schedate nel casellario politico centrale, Il Ponte Vecchio editore 2015. Introduce Francesca Panozzo. L'incontro si tiene  alle ore 17,30 nelle Sale Antiche della Biblioteca Gambalunga.
 
"Sovversive - Donne della provincia di Forlì schedate nel Casellario Politico Centrale" intende restituire l’immagine delle donne della Provincia di Forlì (che fino al 1992 comprendeva anche il territorio della Provincia di Rimini) che sono state segnalate, schedate, accusate, processate e condannate per aver pensato e agito contro il governo fascista durante il ventennio. Perché Alba Piolanti si è occupata di loro? In primo luogo – scrive l'autrice – perché sono donne, oggetti e soggetti, con le loro problematiche di genere, della sua scrittura e in questo caso della sua ricerca, come testimoniano i suoi libri fin qui prodotti.
Inoltre, perché erano originarie o residenti o operanti nella provincia di Forlì, che è il territorio in cui Alba è nata e cresciuta fino alla maggiore età, una terra ricca di idee e di gente attenta alla propria condizione. 
Queste antifasciste dunque avevano tutto il diritto di essere restituite alla Storia. Il Casellario Politico Centrale documenta nei suoi fascicoli l’agire e il pensare di queste donne e ci offre uno spaccato della repressione messa in atto dal regime che comincia con le cosiddette Leggi fascistissime del 1925-26 e con l’istituzione del Tribunale Speciale di cui il Casellario fu strumento principale. Sono in tutto 47 casi provenienti dalle città di Forlì, Cesena, Rimini e dai paesi circostanti. Sono schedate come antifasciste, comuniste, socialiste, repubblicane, anarchiche. 
Sono donne del popolo che hanno vivacemente protestato contro la dittatura, svolgendo attività di propaganda, mantenendo relazioni e contatti nella rete della clandestinità, oppure sono fuoriuscite spesso con i loro compagni in Francia o Svizzera per continuare là l’impegno politico. Lo leggiamo nei documenti allegati e le vediamo nelle foto segnaletiche che spesso corredano le loro schede. 
Sono donne coraggiose che non si sono lasciate intimidire dalla situazione storica ma hanno difeso gli ideali di libertà e democrazia mettendo in pericolo la loro stessa vita.
A loro va tutta la nostra riconoscenza se oggi possiamo liberamente esprimere idee e opinioni. 

Info: Casa delle donne, tel. 0541 704545 – Biblioteca civica Gambalunga, tel. 0541 704486.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Al via il 2 luglio a Riccione Storia e Storie in spiaggia

    • Gratis
    • dal 2 luglio al 28 agosto 2019
    • Sedi varie - Vedi programma
  • Storie e laboratori in spiaggia per i bambini

    • Gratis
    • dal 2 luglio al 28 agosto 2019
  • La band The Zen Circus fa tappa in Romagna con il libro di debutto

    • Gratis
    • 14 settembre 2019
    • Humus_altro Festival, casa dell'editore

I più visti

  • Torna la Rimini shopping night: negozi aperti, cultura, musica e food

    • Gratis
    • dal 26 giugno al 28 agosto 2019
    • centro storico
  • Cinema sotto le stelle: tutti i film in programma alla Corte degli Agostiniani, tra novità e grandi classici

    • fino a domani
    • dal 9 luglio al 25 agosto 2019
    • Corte degli Agostiniani
  • Deejay on stage, 13 serate di grande musica: tra gli ospiti Achille Lauro, Annalisa e Calcutta

    • Gratis
    • dal 3 al 24 agosto 2019
  • Omaggio a Lucio Battisti con due eventi tra musica e cinema, dall'alba al tramonto

    • solo domani
    • 25 agosto 2019
Torna su
RiminiToday è in caricamento