Il "Ciclo della Fenice" di Dario Maria Campana: sabato l'inaugurazione

Inaugura sabato alle 18 alla Galleria dell’Immagine di Rimini la mostra Ciclo della Fenice di Dario Maria Campana.

Inaugura sabato alle 18 alla Galleria dell’Immagine di Rimini la mostra Ciclo della Fenice di Dario Maria Campana. Il progetto è costituito dall'insieme di 35 opere eseguite nell’anno 2016 e prende spunto da una di queste intitolata "Fenice" in dialogo con altre del ciclo dedicate a costellazioni e astri celesti.

Un ritorno inaspettato all’arte, alla soglia degli ottanta anni, quello di Dario Maria Campana, in grado di recente di riscoprire “il piacere della manualità nobilmente artigianale” capace di “riprendersi una rivincita sulla ossessione tecnologica”, avendo dall’ ultimo dei tanti mestieri da lui esercitati – il programmatore, il consulente informatico – tratto ispirazione per riformulare dal cuore dei computer (le piastremadri, motherboard) altre strutture misteriose e antifunzionali, dal passo astratto e monocromo.

Dario Campana - scrive Vittorio D’Augusta- si considera scultore poiché la scultura presuppone un progetto e una costruzione. La curiosità, la coscienza del contemporaneo, la fiducia nella tecnologia, la razionalità hanno guidato la sua ricerca attraverso fasi diverse contemplando estrosità e spirito ludico. Tra queste opere e quelle degli anni ’70, al di là dello spazio temporale che apparentemente le divide, vive la stessa matrice concettuale e la stessa grammatica. Come sottolinea Piero Meldini “Dario Campana era e rimane, in ogni caso, un maestro nell’arte di ottenere complessità e varietà da una voluta economia di mezzi, c’è coerenza tra passato e presente anche nella ricerca formale che persegue un perfetto equilibrio fra le parti e che coniuga rigore e fantasia”.

Dario Campana nasce a Catania nel 1938 e si trasferisce a Rimini, dopo un soggiorno con la famiglia all’Asmara, nel 1954; nel 1967 apre un atelier di scultura; nel 1969 con Vittorio D’Augusta entra in contatto con Bruno Munari e nello stesso anno, gemellandosi con il Centro Operativo Sincron Brescia apre una propria galleria (SINCRON)nella quale gravitano artisti come Hans Glattfelder, Jorrit Tornquist, Mimmo Paladino, Giovanni Santi Sircana, lo stesso Munari; è del ’71 l’Incontro Sincron con una grande collettiva open che agisce anche negli spazi pubblici della città. Sino al 1976, quando improvvisamente abbandona l’attività artistica ed espositiva, Campana produsse sculture monumentali in marmo e in bronzo collocate in diverse città italiane ed espose in numerose rassegne collettive e in mostre personali.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Galleria dell’immagine - Rimini via Gambalunga, 27 orari e info:  16-19 chiuso lunedì non festivi ingresso libero Info 0541 704416/704414 www.dariocampana.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Quelle strane coincidenze", Wuhan e Codogno vicini alla fiera del Sigep

  • Quattro pazienti in Rianimazione riprendono a respirare da soli: per loro si intravede la luce in fondo al tunnel

  • Il ministro dell'Istruzione: "L'anno scolastico sarà valido"

  • Coronavirus, ecco i varchi d'accesso per la provincia di Rimini: sono in tutto 38 strade

  • "Se curva epidemiologica non si abbassa, entro le prossime 2 settimane servono ospedali da campo"

  • Giornata da dimenticare per il territorio: +116 malati e 7 decessi

Torna su
RiminiToday è in caricamento