Enzo Jannacci, una mostra dedicata al chansonnier meneghino

Sarà l'inaugurazione della mostra-tributo al maestro milanese "Gente d'altri tempi. Enzo Jannacci, nuove canzoni a colori" a dare il via giovedì 30 giugno alle 21 alla 32a edizione di Cartoon Club, il Festival internazionale di cinema d’animazione, fumetto e games (a Rimini dal 9 al 17 luglio). Un percorso attraverso 50 tavole illustrate realizzate da grandi autori italiani e dedicate allo chansonnier meneghino e a tutti i personaggi che hanno preso vita dalle sue liriche (al foyer del Teatro Galli fino al 31 luglio a ingresso libero). Personaggi “strani” di una vita, la poetica struggente delle canzoni e la denuncia dell’emarginazione. Il pantheon stralunato degli antieroi di Enzo Jannacci, cantati con ironia e disincanto dal medico-artista, ora rivivono in una mostra originale e appassionata. Da Silver a Sergio Gerasi, da Pao a Staino, da Stefano Disegni a Oskar, fino al cantautore Paolo Conte, la mostra, curata da Davide Barzi e Sandro Paté, offre le reinterpretazioni con matita e pennello delle canzoni del vasto repertorio dell'artista. C’è l’Enzino struggente cantore del barbon dell’Idroscalo che portava i “scarp del tennis”, e quello apparentemente nonsense di “Vengo anch’io no tu no”, una delle poche canzoni del medico chirurgo con la passione per il pianoforte a scalare le vette della hit parade. Per l’occasione Jannacci si prese la responsabilità di modificare il testo inizialmente scritto da Dario Fo. La versione del Premio Nobel recitava infatti: «Si potrebbe andare tutti quanti nelle miniere del Belgio a bruciare». Jannacci, libero da ogni ideologia e cosciente della fatica degli emigranti, preferì modificare quei versi. L’esposizione sarà accompagnata da filmati di repertorio, video delle apparizioni televisive di Jannacci e disegni animati basati sulle sue canzoni.

All’inaugurazione il 30 giugno parteciperanno i curatori Davide Barzi (sceneggiatore, giornalista e studioso del fumetto) e Sandro Paté (autore di "Peccato l'argomento - biografia a più voci di Enzo Jannacci"), alcuni dei disegnatori riminesi coinvolti nell’operazione (Roberto Grassilli, Luca Giorgi, Marianna Balducci (nella foto una sua opera), Massimo Modula, Riccardo ed Enzo Maneglia) e nella sala superiore del foyer è prevista un'esibizione (a ingresso gratuito) dell’artista Beppe Ardito e della sua Banda dell’Ortica. 
Le opere sono tutte donate gratuitamente dagli autori. Il ricavato della vendita delle opere in mostra sarà devoluto al mensile “Scarp de’ tenis”, il giornale di strada promosso da Caritas Ambrosiana, e sostenuto da Caritas Italiana, che nella testata, e non solo, conserva un radicato spirito “jannacciano”, offrendo opportunità di lavoro, guadagno e reinserimento sociale a persone senza dimora e in situazione di povertà, a Milano e in un’altra decina di città italiane. Il periodico ha appena festeggiato i 200 numeri con un’edizione speciale. A Rimini esiste una delle redazioni che "Scarp de’ tenis" ha “varato” sul territorio nazionale.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Il Musas riapre con la mostra “Fuori” di Elvis Spadoni

    • dal 11 giugno al 2 agosto 2020
    • Musas – Museo Storico Archeologico
  • Alla Galleria Zamagni l'arte torna protagonista con "Solstizio d'estate"

    • Gratis
    • dal 20 giugno al 2 agosto 2020
    • Galleria Zamagni

I più visti

  • Il "Musica" parte col botto e cala il poker con Bob Sinclar, Albertino, Mamacita e Jamie Jones

    • dal 15 al 18 luglio 2020
    • Musica Riccione
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Santarcangelo Festival in scena dal 15 al 19 luglio

    • Gratis
    • dal 15 al 18 luglio 2020
  • "Giardini dell'arte", il mercatino degli hobbisti con pezzi unici

    • Gratis
    • dal 29 giugno al 28 settembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento