Daria Deflorian e Antonio Tagliarini in scena con "Quasi niente"

  • Dove
    L'Arboreto Teatro Dimora
    Indirizzo non disponibile
    Mondaino
  • Quando
    Dal 20/05/2018 al 20/05/2018
    18:00
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Domenica 20 maggio, alle 18, Daria Deflorian e Antonio Tagliarini presentano all'Arboreto Teatro Dimora di Mondaino con una prova aperta lo spettacolo "Quasi niente"

Al termine della residenza creativa iniziata il 6 maggio al Teatro Dimora, i registi e performer Daria Deflorian e Antonio Tagliarini presentano lo spettacolo frutto della ricerca effettuata a Mondaino, liberamente ispirato al film di Michelangelo Antonioni Deserto Rosso.

Il nuovo lavoro di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini si ispira a Il deserto rosso, straordinario film del 1964, prima opera a colori di Michelangelo Antonioni, che prende spunto da un breve racconto di Tonino Guerra, e vede in scena una straziante e fanciullesca Monica Vitti. Giuliana, moglie e madre, attraversa il deserto della sua vita senza che nessuno possa realmente toccarla, senza toccare davvero nessuno. Il film s’interroga in maniera personalissima su quel cambiamento epocale che tutti gli artisti del dopoguerra hanno sofferto e raccontato: definito alienazione per Antonioni, genocidio culturale per Pasolini.

La compagnia ha lavorato allo spettacolo con un doppio sguardo: da una parte “più stretto” sul film, attorno alla scena dell’orgia dove non scende neanche una spallina e dall’altra “più ampio”, rompendo i confini della singola opera e osservando la questione della relazione a due – intima e sociale – attraverso l’opera di Antonioni nel suo complesso.

“La scelta è quella di essere cinque in scena, tre donne, due uomini. Prima di tutto per evitare il triangolo borghese, moglie-marito-amante e per avere la possibilità di lavorare liberamente attorno alla figura di Giuliana e infine soprattutto per rispondere alla tensione anti realistica del film.”

“I giorni di residenza sono stati importanti per iniziare a capire chi fra noi può portare una cosa chi un’altra inerente a quel male di vivere di cui parliamo e di cui proviamo a mostrarne alcuni effetti non tanto e solo psicologici, ma dovuti alla “malattia del mondo”. Nel film quella malattia era cominciata da poco, possiamo definirla come una delle conseguenze della modernità. Antonioni la osserva senza moralità, in parte senza giudizio. Ora noi ne siamo completamente immersi, talmente tanto da non osservarla nemmeno più. Come riuscire a guardarla?”

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Giorgio Panariello in scena al Galli con il nuovo show "La favola mia"

    • 7 aprile 2020
    • Teatro Galli
  • Apre la nuova stagione teatrale al Pazzini di Verucchio

    • dal 9 novembre 2019 al 3 aprile 2020
    • Teatro Pazzini di Verucchio
  • Al Galli Turandot, Don Giovanni e l'Elisir: l'opera va in scena per i bambini

    • fino a domani
    • dal 27 al 29 marzo 2020
    • Teatro Galli

I più visti

  • Fellini 100, la grande mostra a Castel Sismondo

    • dal 14 dicembre 2019 al 13 aprile 2020
    • Castel Sismondo
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Giorgio Panariello in scena al Galli con il nuovo show "La favola mia"

    • 7 aprile 2020
    • Teatro Galli
  • Apre la nuova stagione teatrale al Pazzini di Verucchio

    • dal 9 novembre 2019 al 3 aprile 2020
    • Teatro Pazzini di Verucchio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento