Biblioterapia, incontro con il teologo Vito Mancuso

Domenica 29 ottobre nella Sala del Giudizio del museo l’attesa Conversazione del teologo Vito Mancuso riprenderà il filo della rassegna “Biblioterapia 2017 - Realtà… e mondi possibili”. Con Lectio humana, lectio divina l’autore di “Il bisogno di pensare” (Garzanti, 2017) e condurrà in “quella specie di territorio misterioso” che chiamiamo in vari modi: psiche, mente, coscienza, anima, spirito.

È il cuore a sentire Dio, e non la ragione, scrive Mancuso, che si muove su un’idea di fede intesa non come “ossequio ad una autorità”, ma, così come la concepiva Gesù, “disposizione del cuore, affidamento, fiducia”. Qualcosa che va oltre la lectio humana, “il tentativo di venire a capo del mistero della vita nella sua globalità”. Ed apre all’ascolto della lectio divina, sempre però alla luce della coscienza laica presente in ogni uomo che “cerca la verità per se stessa” e vuole aderirvi senza alcuna “forzatura ideologica” e senza nulla derogare alla ragione intesa come “intelletto e coscienza morale”.

Il vivo pensiero di Mancuso è oggetto di discussioni e polemiche per le posizioni non sempre allineate con le gerarchie ecclesiastiche, sia in campo etico sia in campo strettamente dogmatico; il suo argomentare “si basa sulla filosofia e sulla scienza oltre che sulle fonti tradizionali della teologia” nella coscienza che nessuna opposizione e incompatibilità può esserci tra le affermazioni della teologia e quelle della scienza. Il principio su cui si regge il mondo, spiega il teologo, è infatti il risultato della sintesi tra il concetto di Logos, l’ordine delle cose e razionalità del disegno divino, e il Caos, cioè la casualità materiale con cui percepiamo la realtà che ci circonda. Questi due elementi fondanti danno vita allo spirito vitale, che è Dio, dal quale ogni cosa promana.

Dopo gli incontri con il critico letterario e poeta Antonio Prete e il fisico Guido Tonelli, l’invito è ancora leggere autenticamente la realtà per potersi sporgere sull’invisibile, confrontandoci con la fragilità che l’uomo condivide con l’Universo.

Prestando quindi attenzione, come Mancuso scrive nel suo ultimo libro, “al valore infinito di ogni istante, per raggiungere quella desiderata pace interiore, quell’equilibrio tanto atteso di chi ha finalmente trovato un senso al suo essere al mondo”,

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento