Capodanno all'opera con "Rigoletto": sipario al Teatro Galli

Appuntamento con l'opera. E, come tradizione, Rimini festeggia Capodanno con un capolavoro di uno dei grandi maestri della musica. Il 2020 vedrà aprire il sipario del teatro Galli su "Rigoletto", melodramma in tre atti su libretto di Francesco Maria Piave tratto dal dramma storico “Il re si diverte” (Le roi s’amuse) di Victor Hugo. Musica di Giuseppe Verdi. La Prima rappresentazione si terrà mercoledì 1 gennaio alle 17 e le due repliche si terranno venerdì 3 e sabato 4 gennaio alle ore 20.

L’Opera è un nuovo allestimento prodotto dal Coro Lirico città di Rimini Amintore Galli APS in collaborazione con: Kansai Nikikai Public Interest Corporated Association di Osaka e Oles-Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento; ha il patrocinio e il contributo del Comune di Rimini. Con la regia di Paolo Panizza, Rigoletto è diretta dal Maestro concertatore Massimo Taddia, con l’Orchestra della Scuola dell’Opera del Teatro Comunale di Bologna e il Coro Lirico città di Rimini Amintore Galli preparato dal M° Matteo Salvemini. Con la partecipazione della Compagnia Teatrale “RDL Ragazzi del Lago”, direttore Carlo Tedeschi, coreografa Annamaria Bianchini. L’opera è sottotitolata.

Lo spettacolo è stato presentato lunedì 9 dicembre, nella sala del Grifone del Teatro Galli, da Claudia Corbelli, presidente del Coro Lirico città di Rimini Amintore Galli e il Vice Presidente Giuseppe Lotti, alla presenza dell'assessore alla cultura del Comune di Rimini Giampiero Piscaglia, del direttore d'orchestra M° Massimo Taddia, di alcuni esponenti del Coro Galli e di alcuni esponenti della Compagnia Teatrale “RDL Ragazzi del Lago” con il loro direttore Carlo Tedeschi e la coreografa Annamaria Bianchini.

“La collaborazione del Coro Amintore Galli con due interessanti realtà artistiche: Kansai Nikikai Public Interest Corporated Association di Osaka e Oles-Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento, da cui ha avuto origine questa nuova coproduzione, ha l’obiettivo primario di allargare i reciproci orizzonti artistici. – Spiega Claudia Corbelli presidente del Coro - Uno scambio culturale trasversale può favorire per ciascuno dei soggetti coinvolti un arricchimento non indifferente, sia dal punto di vista artistico che dal punto di vista  organizzativo. Gli allestimenti operistici, come tutti ben sanno, hanno costi molto elevati e l’unione di più realtà artistiche permette una ottimizzazione delle risorse finalizzata a mantenere alto lo standard proposto al pubblico. Rigoletto dopo Rimini verrà allestito in Giappone, a Osaka. Non da ultimo, le collaborazioni permettono a ciascuno di ampliare il proprio raggio di visibilità. In questi ultimi anni, grazie alle coproduzioni, il Coro si è esibito in importanti kermesse liriche e su importanti palcoscenici del mondo, ultima prestigiosa performance quella del  Cultural Palace di Amman in Giordania in Occasione dell’Opera Festival, con ‘Il Barbiere di Siviglia” di Rossini. 

“Ho cercato di dare allo spettacolo un taglio molto cinematografico, - spiega il regista Paolo Panizza - con piani diversi anche nella scena, pensata e costruita proprio con l’intento di raccontare nel modo migliore possibile quest’avvincente storia nel rispetto della musica e del libretto. Ma, pur nella linea della “tradizione” popolare e di costume, mi sono preso alcune libertà. Ad esempio, preferisco vedere la deformità di Rigoletto più nella sua morale che nel fisico e per questo gli faccio usare e poi dismettere una gobba solo nel primo quadro, come arnese del proprio mestiere, restituendogli poi un’umanità più vicina a noi e non dettata dall’obsoleto concetto di brutto fisico/brutto morale; la casa dove Rigoletto tiene rinchiusa la figlia Gilda preferisco vederla come una “gabbia dorata” per il suo unico amore, una sorta di giardino incantato violato poi dal Duca/lupo. Lupo che, sul finale del primo atto, faccio rientrare, perché anch’esso, per un momento, torna umano... E lo dice Verdi all’inizio del secondo atto con le parole del Duca stesso: “Ella mi fu rapita! E quando, o ciel... ne’ brevi istanti, prima che il mio presagio interno sull’orma corsa ancora mi spingesse! Schiuso era l’uscio!... la magion deserta! E dove ora sarà quell’angiol caro?... colei che poté prima in questo core destar la fiamma di costanti affetti?... colei sì pura, al cui modesto accento quasi tratto a virtù talor mi credo!... “. Egli non sa ancora che Gilda si trova ora proprio nel suo palazzo... E quando si vedranno per Gilda sarà forse una lieta sorpresa, ma assai breve, perché il lupo, come si sa, perde solo il pelo...

Rigoletto

Rappresentata per la prima volta a Venezia presso il Teatro La Fenice l’11 marzo 1851, Rigoletto è la prima delle opere della “trilogia popolare” di Verdi (Rigoletto, La Traviata, il Trovatore) cosi definita perché di grande successo e diffusione. Fra i tre capolavori della ‘trilogia’, ha per protagonista il carattere più complesso e sfaccettato, il buffone Rigoletto, capace di passare dallo scherno indegno nei confronti di un padre cui hanno violentato la figlia (Monterone) all’amore paterno e ossessivo nei confronti della figlia propria. Fa il buffone alla corte di un libertino Duca di Mantova, godendo probabilmente di vantaggi, ma odia quell’ambiente dissoluto e “dannato”. Nasconde, infatti, alla figlia il proprio lavoro, per vergogna e per proteggerla. A nulla purtroppo servirà, perché il destino, tanto caro a Verdi, diventerà il vero protagonista di questa vicenda e stritolerà Rigoletto con l’avverarsi della maledizione scagliata contro di lui da Monterone, il padre deriso. Un destino che è una sorta di karma ante litteram; un destino che, se sfidato, può essere ancora più atroce e la vendetta di Rigoletto si ritorcerà infatti tutta contro di lui.

Personaggi e interpreti

Il Duca di Mantova è interpretato dal tenore Carmine Riccio, Rigoletto, buffone di Corte, è il baritono Andrea Zese, Gilda, figlia di Rigoletto è interpretata dal soprano Giulia Della Peruta nelle recite dell’1 e del 4 e dal soprano Ayako Suo nella recita del 3 gennaio. Il sicario Sparafucile, è interpretato dal basso Paolo Battaglia, mentre Maddalena, sorella di Sparafucile è il contralto Antonella Colaianni. Giovanna, custode di Gilda, è il mezzosoprano Elisa Luzi che presta la voce anche alla Contessa di Ceprano. Nel ruolo del Conte di Monterone c’è il baritono Gaetano Triscari, mentre il cavaliere Marullo è il baritono Giuseppe Esposito, il cortigiano Matteo Borsa è il tenore Roberto Carli, il conte di Ceprano è interpretato dal basso Luca Gallo, il soprano Ilenia Tosatto è un paggio della Duchessa e Riccardo Lasi, basso, interpreta un usciere di corte. Cavalieri, dame, paggi, alabardieri sono interpretati dal Coro Lirico Città di Rimini Amintore –Galli.

Biglietti dai 10 ai 75 Euro.
Biglietteria adiacente Uffici URP in Piazza Cavour 31 Rimini, dal 10 dicembre con orario continuato dal lunedì alla domenica dalle 11 alle 19. I biglietti saranno acquistabili anche online sul portale vivaticket

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Giorgio Panariello in scena al Galli con il nuovo show "La favola mia"

    • 7 aprile 2020
    • Teatro Galli
  • Apre la nuova stagione teatrale al Pazzini di Verucchio

    • dal 9 novembre 2019 al 3 aprile 2020
    • Teatro Pazzini di Verucchio

I più visti

  • Fellini 100, la grande mostra a Castel Sismondo

    • dal 14 dicembre 2019 al 13 aprile 2020
    • Castel Sismondo
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Giorgio Panariello in scena al Galli con il nuovo show "La favola mia"

    • 7 aprile 2020
    • Teatro Galli
  • Apre la nuova stagione teatrale al Pazzini di Verucchio

    • dal 9 novembre 2019 al 3 aprile 2020
    • Teatro Pazzini di Verucchio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento