"1938, Ma che razza di stampa": in mostra manifesti, fotografie e documenti dell'epoca

Si aprirà domenica 8 dicembre 2019 alle ore 11 al Museo della Città, la mostra bibliografica e documentaria 1938 Ma che razza di…stampa! giornali, manifesti, immagini e documenti (1938-1944) alla presenza del curatore, l’antiquario e collezionista Giovanni Luisè che condurrà una visita guidata al percorso espositivo. Ricorrono 81 anni dalla promulgazione delle infauste leggi razziali emanante dal governo fascista tra il settembre e il dicembre del 1938, anno che venne attraversato dal dibattito sull’antisemitismo e che accese la miccia che avrebbe dato avvio a una campagna razzista senza precedenti. Le leggi razziali fasciste furono un insieme di provvedimenti legislativi e amministrativi (leggi, ordinanze, circolari) applicati in Italia fra il 1938 e il primo quinquennio degli anni quaranta assecondati, quando non sostenuti, da una pavida indifferenza collettiva, pur con importanti eccezioni. Tali leggi furono definitivamente abrogate con i regi decreti-legge n. 25 e 26 del 20 gennaio 1944.

La mostra porta in luce i documenti e la pubblicistica che veicolò l’avvio della persecuzione razziale in Italia. A partire dal Manifesto sulla purezza della razza italiana in difesa della stirpe italica e della rivista omonima La difesa della razza fondata e diretta da Telesio Interlandi che aveva reclutato firme di spicco del panorama intellettuale italiano. Al suo interno illustrazioni che -come scrive Luisè nella prefazione al catalogo della mostra – “furono e tutt’oggi sono un campionario emblematico dell’odio razziale”. La stampa nazionale non lesinò articoli, vignette, manifesti sul tema, cui si aggiungono - e sono esposti in mostra - a dimostrazione di come l’antisemitismo fosse assunto come dottrina di stato, le leggi e i decreti pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale  assieme a documenti manoscritti che testimoniano come il veleno razziale fosse penetrato anche nei gangli della chiesa cattolica. Molti intellettuali in quei mesi si unirono alla propaganda razzista e antisemita. Basti ricordare al “Corriere della sera” l’entusiastica recensione di Guido Piovene sul Contra Iudeos di Interlandi uscita il 1° novembre 1938.

Le leggi razziali furono rivolte prevalentemente contro le persone di religione ebraica. Quella che è stata definita “la fase della persecuzione dei diritti”, con la loro emanazione, era compiuta. Centinaia di insegnanti, professori e professionisti dovettero cedere il proprio posto agli “ariani”, migliaia di persone si ritrovarono all’improvviso straniere in patria. Negli anni Trenta vivevano in Italia tra quarantamila e cinquantamila ebrei. Cominciò un flusso migratorio che impoverì non poco le nostre accademie e i nostri istituti pubblici. Ci fu chi, come l’editore Angelo Formìggini, il 29 novembre 1938 si lanciò dalla torre della Ghirlandina di Modena, non riuscendo a sopportare l’oltraggio. Alla persecuzione dei diritti seguì velocemente dopo l’8 settembre 1943 la fase della “persecuzione delle vite”, che provocò migliaia di vittime.

Tra i rigurgiti attuali e quelli che non si sono mai sopiti, le forme dell’antisemitismo, come un fiume carsico assumendo forme nuove nel corso del tempo, riappaiono nei momenti di crisi sociale o di identità dell’Europa. Questa mostra testimonia con la sua documentazione e i suoi cimeli un periodo esecrabile della storia italiana  proponendosi come un monito.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Fellini 100, la grande mostra a Castel Sismondo

    • dal 14 dicembre 2019 al 15 marzo 2020
    • Castel Sismondo
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Inaugura la mostra "Ho riempito cartelle di sogno" di Ivan Graziani

    • Gratis
    • dal 18 gennaio al 16 febbraio 2020
    • Galleria comunale Santa Croce

I più visti

  • Fellini 100, la grande mostra a Castel Sismondo

    • dal 14 dicembre 2019 al 15 marzo 2020
    • Castel Sismondo
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Apre la nuova stagione teatrale al Pazzini di Verucchio

    • dal 9 novembre 2019 al 3 aprile 2020
    • Teatro Pazzini di Verucchio
  • Blu Morciano: si apre la stagione teatrale dell'auditorium della Fiera con Enzo Iacchetti

    • dal 26 ottobre 2019 al 14 marzo 2020
    • auditorium della fiera
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento