Visura camerale
: tutte le informazioni utili

La visura camerale è il documento che fornisce informazioni su qualunque impresa italiana, individuale o collettiva, iscritta al registro delle imprese tenuto da Camera di Commercio, Industria, Artigianato e agricoltura



La visura camerale ordinaria è un documento redatto dalla Camera di Commercio che riporta le informazioni giuridiche ed economiche relative ad un’impresa italiana, iscritta al Registro delle Imprese. Le visure camerali contengono le principali informazioni legali, economiche e amministrative relative alle aziende iscritte presso il Registro delle Imprese.

Dalla data del rilascio il documento ha una validità di sei mesi.

All’interno della visura sono contenuti:


  • i dati anagrafici dei soci,

  • l’indirizzo della sede legale,

  • la data di costituzione dell’azienda,

  • il codice REA,

  • lo stato dell’attività,

  • l’email certificata,

  • il codice fiscale,

  • il numero di dipendenti nell’anno in corso,

  • i dati relativi al capitale sociale,

  • le partecipazione alla società,

  • le certificazioni di qualità,

  • la partita IVA. 

A cosa serve

Avere accesso alla visura camerale garantisce ai cittadini e alle aziende di ottenere informazioni utili per verificare l’esistenza di un’impresa e valutarne la solidità. Conoscere aspetti quali la composizione societaria di un’azienda, gli amministratori e le cariche permette di sapere con anticipo i futuri business partner. Inoltre le indicazioni relative al capitale, agli eventuali trasferimenti d’azienda, alle fusioni o scissioni favoriscono la comprensione delle strategie economiche effettuate da un'impresa. Questo aiuta a ponderare con maggiore attenzione le proprie scelte di collaborazione, investimento o acquisto anche da un punto di vista degli eventuali rischi.

Le informazioni contenute nelle visure camerali vengono aggiornate quotidianamente a cura delle Camere di Commercio competenti situate nelle diverse regioni. In ogni visura camerale viene sempre indicata sia la data di estrazione sia la data di aggiornamento degli archivi. Per richiedere una visura camerale è necessario essere in possesso della denominazione e del codice fiscale dell’impresa, nel caso delle imprese individuali, oppure della partita IVA per le società di capitali.

Visura camerale storica: cos’è, a cosa serve 

La visura camerale storica è un documento digitale che riassume tutti i dati dell’impresa a partire dalla sua nascita. Rispetto alla visura ordinaria aggiunge la storia delle modifiche avvenute dalla prima costituzione al momento in cui è stata richiesta la visura.
Contiene le modifiche aziendali avvenute nel tempo e tutte le informazioni dalla data della sua nascita come le modifiche dell’assetto societario, il cambio di sede legale, la vendita di quote societarie ed è quindi un’integrazione della visura camerale ordinaria, indicata per chi desidera avere un quadro completo dell’azienda.

All’interno della visura sono contenuti:

  • i dati anagrafici dei soci,

  • l’indirizzo della sede legale,

  • la data di costituzione dell’azienda,

  • il codice REA,

  • lo stato dell’attività,

  • l’email certificata,

  • il codice fiscale,

  • il numero di dipendenti nell’anno in corso,

  • i dati relativi al capitale sociale,

  • le partecipazione alla società,

  • le certificazioni di qualità,

  • la partita IVA.

  • storia delle modifiche subite dalla società a partire dalla sua costituzione.

Quanto costa

La visura camerale rilasciata dalla Camera di commercio è soggetta a dei costi di segreteria (circa 20 euro), che sono variabili in base al tipo di visura richiesta (se ordinaria o storica) e anche in base alla natura giuridica dell’azienda richiedente. Il prezzo può salire anche se per lo stesso soggetto richiedente vengono effettuate più ricerche. In generale, meno sono i dati che si forniscono all’ufficio CCIAA più il prezzo sarà elevato, poiché occorreranno maggiori ricerche.

Il richiedente può anche scegliere di avvalersi di un professionista esperto; in questo modo sarà possibile abbattere i costi della richiesta alla Camera di commercio, ma, naturalmente, si tratta di un servizio a pagamento e quindi dovrà essere pagato il soggetto a cui si affida l’incarico.

La visura camerale online è gratuita, invece la richiesta alla CCIAA ha il costo di:

  •  4 euro per la visura ordinaria e 5 euro per la visura storica, per le imprese individuali;
  • 4,50 euro per la visura ordinaria e 5,50 euro per la visura storica, per le società di persone;
  • 7 euro per la visura ordinaria e 8 euro per la visura storica, per le società di capitali;
  • 21 euro per il rilascio del certificato anagrafico fino a 100 righe e 16 euro per ogni 100 righe successive.

La Camera di Commercio a Rimini: tutte le informazioni

SUAP, Sportello unico per le attività produttive: cos'è e come funziona

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

  • Si tuffa con gli amici ma non riemerge: dopo due giorni di agonia muore un ragazzo di 19 anni

  • Coronavirus, 7 nuovi casi nel riminese: quattro rientrati dall'estero

Torna su
RiminiToday è in caricamento