Bici in viale Ceccarini, Patto Civico: "Riccione diventata la città dei divieti"

"E' quasi grottesca la scena dei vigili che alla sommità del sottopasso della ferrovia lato mare mostra la paletta a bambini, pensionati e mamme"

E’ di questi giorni il divieto per le biciclette di transitare e percorrere Viale Ceccarini e, sul provvedimento, si è scatenato Patto Civico sostenendo che si tratta di "Un divieto assoluto e generalizzato che rappresenta un altro modo di proporre Riccione per quello che non è, e non è mai stata: la città dei divieti". Per il partito politico, infatti, può esser condivisibile solo il divieto a risciò o bici elettriche; anche il fatto che il viale sia interdetto alle biciclette nelle ore serali è un provvedimento quasi obbligato, tenuto conto della folla che passeggia dopo cena. “Occorrerebbero però una misura e un equilibrio che appaiono sconosciute a chi prende queste decisioni a Riccione”.

"Sono numerose le lamentele di turisti e cittadini - aggiunge Patto Civico - che al mattino o nelle ore pomeridiane si vedono interdetto l’accesso in viale Ceccarini in sella alla propria bicicletta: è quasi grottesca la scena dei vigili che alla sommità del sottopasso della ferrovia lato mare mostra la paletta a bambini, pensionati e mamme colpevoli di voler proseguire la discesa da viale Ceccarini alta fino al mare, proseguendo sul Viale. Non mancano poi le rimostranze dei turisti ai quali oramai ogni albergo offre la possibilità di usufruire di biciclette: al rientro in Hotel dopo il giro in bici, frequenti sono coloro che si lamentano di non aver potuto accedere nel ‘salotto’ non comprendendo e tanto meno condividendo i motivi del divieto che - seppur con difficoltà - gli operatori turistici cercano di spiegar loro".

Patto Civico chiede quindi che l’Amministrazione voglia intervenire sul provvedimento limitando il divieto alle biciclette soltanto dalle ore 20.00 alle 6.00, consentendo per il resto la libera fruizione anche in bicicletta di quello che - da sempre - è il viale più amato da turisti e residenti. "Del resto, nel caso di condotta di guida pericolosa, anche per le biciclette esistono già le norme del Codice della Strada che la polizia municipale deve far rispettare. Di un codice della strada riccionese ad hoc per viale Ceccarini, nessuno davvero sente il bisogno. La vicenda dimostra una volta di più come viale Ceccarini, necessiti di un radicale intervento di ristrutturazione, punto primario e fondamentale del programma proposto in campagna elettorale da Patto Civico. Auspichiamo che l’Amministrazione non resti sorda di fronte a ciò che turisti, operatori e cittadini chiedono, e che Patto Civico condivide facendosi portavoce”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Aggredita, rapinata e insultata sull'autobus, in manette un coppietta

    • Cronaca

      Giallo sulla morte del turista 34enne, si ipotizza una malattia pregressa

    • Cronaca

      Gas a martello per gli eventi del Gp di San Marino e della Riviera di Rimini

    • Cronaca

      Adescato fuori dalla discoteca, ragazzo viene rapinato dal transessuale

    I più letti della settimana

    • "Tirocinanti gratis per chi assume i richiedenti asilo. Ennesima beffa e danno verso gli italiani"

      Torna su