Concessioni demaniali, Ceccarelli: "Per Bellaria finisce l'era dell'incertezza"

Il sindaco commenta il superamento della direttiva Bolkestein e guarda al futuro della città

“Sul tema delle concessioni balneari, finisce l’era dell’incertezza e della precarietà, segnata da quei problemi che, sulla situazione dell’arenile, hanno determinato per Bellaria Igea Marina una complessità più profonda che altrove. Oggi i nostri operatori possono guardare al futuro, a partire dalla stagione 2019, con ottimismo e con la consapevolezza di un quadro normativo, nell’attesa degli auspicati sviluppi a livello di governo centrale, che gli consentirà di lavorare sulle nostre spiagge in piena legittimità”, così interviene oggi il Sindaco Enzo Ceccarelli, all’indomani dell’incontro pubblico su concessioni balneari e turismo che ha portato al Palacongressi un pubblico presente in buon numero, comprese decine di operatori del settore.
 
Nella serata di ieri, lo stesso primo cittadino, presente in qualità di relatore a fianco dell’Avv. Maurizio Morri e del dirigente comunale Ing. Michele Bonito, ha illustrato “la lunga e complessa attività di ricerca e raccolta di documentazione storica, presso gli archivi del Comune e presso quelli della Cooperativa Bagnini, di cui l’Amministrazione Comunale si è presa carico e responsabilità, e che è stata condotta negli ultimi mesi dallo stesso Avv. Morri incaricato dall’Ente”. Raggiunto l’obiettivo, ovvero “superare la situazione di stallo all’origine di tanta criticità e incertezza, con gli stabilimenti balneari di Bellaria Igea Marina che, dal 2003, hanno avuto solo autorizzazioni “anno per anno”, e mettere finalmente gli operatori nelle condizioni di ritirare le concessioni.”
 
“Dall’approfondimento condotto”, spiega il Sindaco, “sono nati indirizzi operativi ben chiari, che l’Amministrazione Comunale ha recepito con appositi atti e affidato agli uffici tecnici affinchè, sulla base degli atti di legittimazione messi in evidenza nel lavoro dell’Avv. Morri, gli operatori di spiaggia possano verificare l’effettivo stato dei luoghi e raggiungere il ritiro della concessione.”
 
“La mancanza delle concessioni ci ha imposto in questi anni incertezze e riserve”, ricorda infine il primo cittadino, “che l’Amministrazione Comunale ha colmato con scelte forti e decise, in cui il rispetto delle regole e la priorità dell’interesse pubblico convivessero con la volontà di stare al fianco delle nostre famiglie e dei nostri imprenditori. Oggi si volta pagina, con un passo amministrativo epocale e atteso quindici anni, che permetterà alla nostra realtà di agganciarsi, al pari di tutti gli altri, alle norme che verranno adottate a livello nazionale, e a guardare concretamente”, conclude, “a quell’ammodernamento dell’offerta di spiaggia che risponda a un mercato turistico sempre più competitivo ed esigente.”
 

Potrebbe interessarti

  • Aiuto! Ho le formiche in casa: ecco come allontanarle

  • Come allontanare api, vespe e calabroni con rimedi naturali

  • Arredare casa al mare: idee e consigli per l'arredo perfetto

  • Cervicale: sintomi, rimedi ed esercizi

I più letti della settimana

  • Violento temporale notturno, scaricati in mare i liquami fognari scatta lo stop alla balneazione

  • Maxi concorso in Regione, l'Emilia-Romagna pronta ad assumere quasi 1500 persone

  • Temptation Island 2019, la coppia di riminesi "scoppia" alla prima puntata

  • Schianto in moto alla rotonda alle porte di San Giovanni: grave un 23enne soccorso con l'elimedica

  • Doppia scazzottata sulla spiaggia, una ragazzina a scatenare la lite

  • Stagione della riproduzione, spuntano i trigoni sulla battigia

Torna su
RiminiToday è in caricamento