Croatti (M5S): "Il Pd ha respinto ancora il passaggio di Montecopiolo e Sassofeltrio in Romagna"

Il senatore pentastellato: "La nuova maggioranza parlamentare non ha una posizione univoca perché il Partito Democratico non vuole questo passaggio"

Ancora un rinvio in commissione per il disegno di legge che prevede il distacco dei comuni di Montecopiolo e Sassofeltrio dalla Regione Marche e la loro aggregazione alla regione Emilia-Romagna. “Oggi avremmo dovuto votare finalmente in Senato i disegni di legge, uno dei quali presentato da me, per questo passaggio, votato dai cittadini dei due comuni nel giugno 2007 con un referendum dal risultato quasi plebiscitario - commenta il senatore del MoVimento 5 Stelle Marco Croatti. - In questo momento però la nuova maggioranza parlamentare non ha una posizione univoca perché il PD non vuole questo passaggio. E ha nuovamente chiesto di fermare questi disegni di legge, rinviando tutto in commissione.
Non ho votato questo rinvio perché continuo a ritenere questo ostruzionismo una grave mancanza di rispetto verso i diritti costituzionali dei cittadini. Chi per oltre 12 anni ha impedito che il passaggio dei due comuni avvenisse, oggi afferma che troppo tempo è trascorso da quel referendum. Un atteggiamento che ritengo inaccettabile. In questo momento non posso che essere pessimista. Auspico che il PD emiliano-romagnolo torni a far sentire la propria voce sul tema e riesca a modificare la posizione espressa in Parlamento dal proprio partito”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta all'alba, si toglie la vita nel parcheggio del centro commerciale

  • Pronto a nascere il maxi outlet con un investimento da 150 milioni di euro

  • Aereo "perde" il motore, atterraggio d'emergenza al "Fellini"

  • Clan emergente voleva prendersi Rimini con una guerra di camorra: segno distintivo, le mani frantumate col martello

  • A Le Iene la verità di Miradossa: "Pantani ucciso per portargli via 20mila euro"

  • Maxi operazione anti mafia dei carabinieri, 10 arresti

Torna su
RiminiToday è in caricamento