Coronavirus, per la Lega "l'unica soluzione è una massiccia campagna di tamponi"

Secondo i consiglieri regionali del Carroccio: "Ci troviamo in questa emergenza anche perché i tamponi effettuati sono stati troppo pochi"

“Per arginare la diffusione dell'epidemia Covid-19, l'unica soluzione possibile è quella di avviare una massiccia campagna di tamponi. Sino ad oggi, infatti, è stata sottostimata la vera incidenza dei positivi e molte persone a casa con sintomi da influenza sarebbero state da sottoporre a tampone. Ci troviamo in questa emergenza anche perché i tamponi effettuati sono stati troppo pochi: finora non abbiamo individuato bene i portatori sani o quelli con sintomi lievi che potevano e potrebbero ancora andare in giro e continuare a infettare”. E' quanto sostengono i consiglieri regionali del Gruppo Lega Emilia-Romagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ora è necessario che la Regione avvii subito una massiccia campagna per l'esecuzione di tamponi. Non c'è più tempo da perdere e questo è l'unico strumento preventivo che ha dimostrato di funzionare per prevenire la diffusione del contagio” chiedono Matteo Rancan, Lucia Borgonzoni, Fabio Rainieri, Gabriele Delmonte, Stefano Bargi, Daniele Marchetti, Andrea Liverani, Massimiliano Pompignoli, Fabio Bergamini, Maura Catellani, Michele Facci, Matteo Montevecchi, Emiliano Occhi, Valentina Stragliati e Simone Pelloni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Coronavirus, verso il blocco totale almeno fino a Pasqua: poi si valutano riaperture in "due fasi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento